Differenze tra le versioni di "Storia dei sistemi UNIX"

Da GolemWiki.
Jump to navigation Jump to search
 
(78 versioni intermedie di 2 utenti non mostrate)
Riga 3: Riga 3:
 
==AT&T e l'Antitrust==
 
==AT&T e l'Antitrust==
 
'''1956'''
 
'''1956'''
 
+
L'[https://golem.linux.it/wiki/images/9/9f/Antitrust_att.pdf antitrust] impedisce all'American Telephone and Telegraph (AT&T), monopolista nel settore delle telecomunicazioni, di espandersi in ulteriori settori di mercato. Sono cancellate le royalty dei brevetti non strettamente legati alla telefonia.
L'antitrust impedisce all'American Telephone and Telegraph (AT&T), in quanto monopolista nel settore delle telecomunicazioni, di espandersi in ulteriori settori di mercato. Sono cancellate le royalties dei brevetti non strettamente legati al settore di competenza.
 
 
 
http://www.informatica.co.cr/unix/research/acrobat/560125.pdf
 
 
 
  
 
==CTSS==
 
==CTSS==
 
'''1961'''
 
'''1961'''
Fernando Corbato guida il team che, presso il Computation Center del MIT, creerà il primo sistema operativo multi utente della storia: il Compatible Time-Sharing System (CTSS), fonte di ispirazione per il futuro Multics.
+
 
 +
Fernando Corbato guida il team che, presso il Computation Center del MIT, creerà il primo sistema operativo multi utente della storia: il Compatible Time-Sharing System ([https://en.wikipedia.org/wiki/Compatible_Time-Sharing_System CTSS]), punto di partenza per il futuro Multics.
  
  
 
==Multics==
 
==Multics==
 
'''1964'''
 
'''1964'''
Col patrocinio del Dipartimento di Difesa americano (DARPA) AT&T, Honeywell, General Electric ed il MIT iniziano lo sviluppo del sistema operativo Multics (Multiplexed Information and Computing Service). L'obiettivo è quello di creare una piattaforma modulare per mainframe GE-645 capace di controllare a distanza altre macchine.
+
 
 +
AT&T, Honeywell, General Electric ed il MIT, col patrocinio del Dipartimento di Difesa americano (DARPA), iniziano lo sviluppo del sistema operativo Multics (Multiplexed Information and Computing Service) con l'obiettivo di creare una piattaforma modulare per mainframe [https://i2.wp.com/www.hermanotemblon.com/wp-images/GE-645.jpg GE-645] in grado di controllare a distanza altri macchinari.
  
  
 
===AT&T abbandona Multics===
 
===AT&T abbandona Multics===
 
'''1969'''
 
'''1969'''
 +
 
Rivelatosi più complesso del previsto e visti i pesanti ritardi sulla tabella di marcia AT&T esce dal progetto Multics.
 
Rivelatosi più complesso del previsto e visti i pesanti ritardi sulla tabella di marcia AT&T esce dal progetto Multics.
  
Ken Thompson, ricercatore di AT&T per il progetto Multics, vi aveva sviluppato un gioco dal nome "Space Travel" (gioco in cui si doveva pilotare una navicella spaziale attraverso il sistema solare e farla atterrare su vari pianeti).
+
Ken Thompson, ricercatore presso AT&T per il progetto Multics, aveva sviluppato un gioco dal nome "Space Travel" (gioco in cui si doveva pilotare una navicella spaziale attraverso il sistema solare e farla atterrare su vari pianeti).
 
Non avendo più accesso a Multics decise di riprogrammare il gioco in Fortran per GECOS (General Electric Comprehensive Operating System, ribattezzato successivamente GCOS quando la GE cedette tale divisione alla Honeywell) su hardware GE-635. Non era però soddisfatto di alcuni aspetti: il display andava a scatti ed un'ora di accesso al GECOS costava ben $75.
 
Non avendo più accesso a Multics decise di riprogrammare il gioco in Fortran per GECOS (General Electric Comprehensive Operating System, ribattezzato successivamente GCOS quando la GE cedette tale divisione alla Honeywell) su hardware GE-635. Non era però soddisfatto di alcuni aspetti: il display andava a scatti ed un'ora di accesso al GECOS costava ben $75.
 
Fu così che recuperò presso i Bell Labs della AT&T un PDP-7 con un buon processore grafico ed insieme all'amico e collega Dennis Ritchie effettuò il port in assembly del gioco utilizzando un cross compilatore assembler per GECOS.
 
Fu così che recuperò presso i Bell Labs della AT&T un PDP-7 con un buon processore grafico ed insieme all'amico e collega Dennis Ritchie effettuò il port in assembly del gioco utilizzando un cross compilatore assembler per GECOS.
Space Travel servì da esercizio per la preparazione di un più sofisticato sistema operativo per PDP-7.
+
Space Travel servì da esercizio per la preparazione di un completo sistema operativo per PDP-7.
  
  
Riga 32: Riga 31:
 
'''1973'''
 
'''1973'''
  
Al contrario di quello che molti pensano, la storia di Multics non finisce qui. Perché qualche anno dopo l'abbandono del progetto da parte di AT&T la Honeywell sviluppa una nuova generazione di hardware ed inizia la commercializzazione di questo sistema che durerà fino a metà anni '80.  
+
Al contrario di quello che molti pensano, la storia di Multics non finisce qui. Qualche anno dopo l'abbandono del progetto da parte di AT&T la Honeywell sviluppa una nuova generazione di hardware ed inizia la commercializzazione di questo sistema che durerà fino a metà anni '80.  
  
 
http://www.multicians.org/myths.html#fail69
 
http://www.multicians.org/myths.html#fail69
 
  
 
==Ken's New System==
 
==Ken's New System==
Settembre 1969
+
'''Settembre 1969'''
  
A Thompson e Ritchie si unirono altri ricercatori, fra i quali: Joe Ossanna e Doug McIlroy. Insieme definirono i concetti di processi e device file; produssero in oltre un filesystem gerarchico, un interprete di comandi (shell) ed alcune utility (copy, delete, print, edit).
+
A Thompson e Ritchie si unirono altri ricercatori, fra i quali Joe Ossanna e Doug McIlroy. Insieme definirono le basi di un nuovo sistema operativo: idearono i concetti di processi e device file, produssero un filesystem gerarchico, un interprete di comandi (shell) ed alcune utility (copy, delete, print, edit).
 
 
Fino a questo momento tutti i programmi erano scritti su GECOS e trasferiti su PDP-7 attraverso un nastro di carta, successivamente fu ultimato un assembler per PDP-7 e fu possibile compilare i programmi direttamente sul PDP.
 
  
 +
Fino a questo momento tutti i programmi erano stati scritti su GECOS e trasferiti su [https://hsto.org/getpro/habr/post_images/4f6/7b0/c8c/4f67b0c8c5d65b48520a64bd61364145.jpg PDP-7] attraverso un nastro di carta, successivamente fu ultimato un assembler per PDP-7 e fu possibile compilare i programmi direttamente sul PDP.
  
 
==UNICS==
 
==UNICS==
Riga 57: Riga 54:
 
'''1971'''
 
'''1971'''
  
Il Computing Sciences Research Center dei Bell Labs, dove lavorava il team di Thompson e Ritchie, inoltrò all'AT&T una richiesta di $65.000 per finanziare l'acquisto di un DEC PDP-11/20 con la promessa di svilupparci l'editor di testo che la società necessitava per la gestione elettronica dei propri brevetti.
+
Il Computing Sciences Research Center dei Bell Labs, dove lavorava il team di Thompson e Ritchie, inoltrò all'AT&T una richiesta di $65.000 per finanziare l'acquisto di un [https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/3/3a/DEC_PDP-11_20_computer_at_the_Computer_History_Museum.jpg DEC PDP-11/20] con la promessa di svilupparci l'editor di testo che la società necessitava per la gestione elettronica dei propri brevetti.
 
Piuttosto che scrivere da capo l'editor fu poi preferito portare il già esistente formattatore di testo "roff" da PDP-7 a PDP-11.
 
Piuttosto che scrivere da capo l'editor fu poi preferito portare il già esistente formattatore di testo "roff" da PDP-7 a PDP-11.
  
 
'''Primavera del 1971'''
 
'''Primavera del 1971'''
 +
 
Realizzato un sistema Unix funzionante, completamente riscritto in assembly e dotato di editor di testo per PDP-11.
 
Realizzato un sistema Unix funzionante, completamente riscritto in assembly e dotato di editor di testo per PDP-11.
  
Le versioni successive di questo Unix Time-Sharing System vennero denominate ''Research Unix'' per non confonderlo col futuro Unix commerciale di AT&T (System III e V) e venivano determinate dal numero dell'edizione del rispettivo manuale per l'utente.
+
Le versioni successive di questo Unix Time-Sharing System vennero denominate ''Research Unix'' per non confonderlo col futuro Unix commerciale di AT&T (System III e V) ed erano identificate dal numero dell'edizione del rispettivo manuale utente.
 +
 
 +
[http://medialab.freaknet.org/doc/Hardware/Macchine/pdp11-boot PDP-11 Boot]
 +
[http://www.pdp-11.nl/peripherals/disk/rl-info.html PDP-11 disco RL02]
  
  
Riga 71: Riga 72:
 
Prima edizione del manuale Unix, basato sulla versione per PDP-11. Fu lo Unix usato per processare i documenti relativi ai brevetti della AT&T.
 
Prima edizione del manuale Unix, basato sulla versione per PDP-11. Fu lo Unix usato per processare i documenti relativi ai brevetti della AT&T.
  
http://www.cs.bell-labs.com/who/dmr/1stEdman.html
+
 
 +
[http://web.archive.org/web/20150205025249/http://www.cs.bell-labs.com/who/dmr/1stEdman.html Manuale]
 +
 
 
http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V1
 
http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V1
  
  
 
==UNIX Time-Sharing 2nd Edition==
 
==UNIX Time-Sharing 2nd Edition==
12/6/1972
+
'''12 Giugno 1972'''
  
 
Il numero totale di installazioni arriva a 10.
 
Il numero totale di installazioni arriva a 10.
  
 
http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V2
 
http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V2
 +
 
http://www.tuhs.org/Archive/PDP-11/Distributions/research/1972_stuff/unix_2nd_edition_manual.pdf
 
http://www.tuhs.org/Archive/PDP-11/Distributions/research/1972_stuff/unix_2nd_edition_manual.pdf
  
===Conversione in C#===
+
===Conversione in C===
 
Inizia la ristesura di Unix nel linguaggio di programmazione C inventato da Ritchie.
 
Inizia la ristesura di Unix nel linguaggio di programmazione C inventato da Ritchie.
 
La migrazione da assembly ad un linguaggio di alto livello come il C garantisce una più semplice portabilità del software verso altre piattaforme.
 
La migrazione da assembly ad un linguaggio di alto livello come il C garantisce una più semplice portabilità del software verso altre piattaforme.
 
  
 
==UNIX Time-Sharing 3rd Edition==
 
==UNIX Time-Sharing 3rd Edition==
Febbraio 1973
+
'''Febbraio 1973'''
  
 
Introdotto il linguaggio C e le "pipes", il numero totale delle installazioni sale a 16. I comandi vengono suddivisi tra /bin e /usr/bin (il mountpoint di un secondo hard disk) perché i 256 KB del disco della macchina di test vengono saturati.
 
Introdotto il linguaggio C e le "pipes", il numero totale delle installazioni sale a 16. I comandi vengono suddivisi tra /bin e /usr/bin (il mountpoint di un secondo hard disk) perché i 256 KB del disco della macchina di test vengono saturati.
  
 
http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V3
 
http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V3
 +
 
http://www.textfiles.com/bitsavers/pdf/att/unix/3rd_Edition/UNIX_Programmers_Manual_Third_Edition_Feb73.pdf
 
http://www.textfiles.com/bitsavers/pdf/att/unix/3rd_Edition/UNIX_Programmers_Manual_Third_Edition_Feb73.pdf
  
  
 
==UNIX Time-Sharing 4th Edition==
 
==UNIX Time-Sharing 4th Edition==
Novembre 1973
+
'''Novembre 1973'''
  
Prima versione di Unix scritta interamente in C. Introduce il supporto ai gruppi di utenti (/etc/groups). Il numero di installazioni sale a 20. Il manuale non è più scritto a macchina come i precedenti, ma è formattato con "troff" (successore di roff). Si tratta della prima versione pubblica di Unix, le precedenti erano per uso prevalentemente interno dei Bell Labs.
+
Prima versione di Unix scritta interamente in C. Introduce il supporto ai gruppi di utenti (/etc/groups). Il numero di installazioni sale a 20. Il manuale non è più scritto a macchina come i precedenti, ma è formattato con "troff" (successore di roff). Si tratta della prima versione pubblica di Unix, le precedenti erano riservate ad uso prevalentemente interno dei Bell Labs.
  
 
http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V4
 
http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V4
  
==Programmer's Workbench (PWB)==
 
Evan Ivie e Rudd Canaday, nei Bell Labs, danno vita al Programmer's Workbench (PWB), allo scopo di creare un sistema Unix non tanto finalizzato alla ricerca quanto all'utilizzo pratico per circa 1000 impiegati della AT&T.
 
L'idea era quella di contenere i costi spostando le attività di sviluppo dagli eterogenei ed espensivi mainframe unificandole verso una comune piattaforma basata su vari PDP-11 per tutte le divisioni della società.
 
Si erano evolute spontaneamente diverse dozzine di varianti ufficiose del Research Unix, tutte usate limitatamente da piccoli gruppi di lavoro e adattate a svolgere unicamente specifici compiti, così il PWB ebbe il compito di standardizzare la situazione creando un "Unix Computer Center" per un utilizzo interdipartimentale.
 
  
 +
===Programmer's Workbench (PWB)===
 +
Alla AT&T evolvono spontaneamente svariate varianti ufficiose del Research Unix, tutte usate limitatamente da piccoli gruppi e adattate a svolgere compiti ben specifici.
 +
Nei Bell Labs viene avviato il Programmer's Workbench (PWB), un progetto guidato da Evan Ivie e Rudd Canaday allo scopo di creare uno "Unix Computer Center" per un utilizzo interdipartimentale e contenere i costi spostando le varie attività di sviluppo dagli eterogenei ed espensivi mainframe verso una comune piattaforma Unix PDP-11.
  
  
=1974=
 
 
==UNIX Time-Sharing 5th Edition==
 
==UNIX Time-Sharing 5th Edition==
 +
'''1974'''
 +
 
Aumenta il numero delle piattaforme PDP supportate ed il numero delle installazioni sale a 50.
 
Aumenta il numero delle piattaforme PDP supportate ed il numero delle installazioni sale a 50.
  
ftp://gcu-squad.org/mirrors/tuhs/PDP-11/Distributions/research/Dennis_v5/v5man.pdf
+
[http://www.tuhs.org/Archive/PDP-11/Distributions/research/Dennis_v5/v5man.pdf Manuale]
 +
 
 +
[http://a2.pluto.it/a2/a2389.htm#almltitle9416 Emulazione]
 +
 
 +
[http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V5 Download]
 +
 
 +
 
 +
==UNIX Time-Sharing 6th Edition==
 +
'''Maggio 1975'''
 +
 
 +
Prima distribuzione ad avere un discreto successo al di fuori dei Bell Labs, specialmente negli istituti di ricerca e nelle università. Sarà il primo Unix ad essere portato su hardware non PDP.
 +
 
 +
[http://a.papnet.eu/UNIX/v6/installation Installazione]
 +
[http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V6 Download]
 +
[http://a2.pluto.it/a2/a2389.htm#almltitle9417 Emulazione]
 +
 
 +
 
 +
'''1976'''
 +
John Lions, professore della  University of New South Wales (UNSW), scrive e distribuisce il [http://en.wikipedia.org/wiki/Lions%27_Commentary_on_UNIX_6th_Edition,_with_Source_Code ''Lions' Commentary on UNIX 6th Edition'']; contenente il set integrale dei sorgenti del Research UNIX 6th Edition completi di guida per l'utente, manuale d'installazione ed informazioni sull'hardware.
 +
 
 +
Per alcuni anni il [http://www.lemis.com/grog/Documentation/Lions/book.pdf Lions Book] fu l'unica documentazione su Unix disponibile al di fuori dei Bell Labs, la licenza del Research UNIX 7th Edition vieterà l'uso dei sorgenti per scopi didattici e questo manuale non ufficiale diventerà illegale. Resterà comunque uno dei libri più fotocopiati nella storia dell'informatica.
 +
 
 +
 
 +
Con l'RFC 681 l'agenzia ARPA documenta i benefici del sistema Unix utilizzato nei mini-host di ARPANET.
 +
 
 +
 
 +
===Unix basati sul Research V6===
 +
 
 +
====UNIX-RT====
 +
Unix Real-Time sviluppato nei Bell Labs, fusione tra Research Unix V6 ed il ''[http://en.wikipedia.org/wiki/Multi-Environment_Real-Time MERT] hypervisor''
 +
 
 +
 
 +
====CB UNIX====
 +
[http://www.tuhs.org/Archive/PDP-11/Distributions/other/CB_Unix/readme.txt CB UNIX] o Columbus UNIX, variante del Research Unix per uso interno dei Bell Labs. Sviluppata a Columbus (Ohio), era basata sulle versioni 6 e 7 e sul codice del futuro PWB/UNIX. Poco conosciuta al di fuori dell'AT&T, fu sviluppata per superare alcune carenze del Research Unix (interprocess communication e file locking) per la gestione dei database.
 +
 
 +
 
 +
====PWB/UNIX 1.0====
 +
'''Maggio 1977'''
 +
 
 +
AT&T rilascia [http://www.textfiles.com/bitsavers/pdf/att/unix/PWB_UNIX/PWB_UNIX_Edition_1_Section_1_May77.pdf PWB/UNIX 1.0]  (Programmer's Workbench), variante del Research Unix V6 interna ai Bell Labs.
 +
 
 +
 
 +
====IS/1====
 +
La Interactive Systems Corporation produce il primo Unix commerciale: IS/1, una variante del Research Unix Versione 6 per PDP-11.
 +
 
 +
 
 +
====UNSW====
 +
'''24 Gennaio 1978'''
  
==Berkeley acquista Unix==
+
Con meno risonanza rispetto a quanto farà Berkeley, anche la University of New South Wales (UNSW) creò set di nastri con un mix di sorgenti e binari di UNIX Time-Sharing 6th Edition, PWB/UNIX 1.0 e anche con versioni successive di Unix.
Il Professor Bob Fabry di Berkeley acquista per $99 una licenza del Research Unix 4th Edition dalla AT&T da installare su un PDP-11.
 
Il Computer Systems Research Group (CSRG) dell'università, finanziato dal DARPA, inizia a modificarne i sorgenti e a distribuire la propria variante del sistema operativo con l'acronimo BSD (Berkeley Software Distribution).
 
  
http://wolfram.schneider.org/bsd/ftp/article/bsdrole.html
+
[http://www.tuhs.org/Archive/PDP-11/Distributions/unsw/README Download]
http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V5
 
  
  
=1975=
+
====AUSAM====
A causa del decreto 1956 UNIX non poteva ancora essere trasformato in un prodotto commerciale. Fu in oltre richiesto che la società rilasciasse a chi ne avesse fatto richiesta le licenze di tutti i sorgenti e delle parti del kernel scritte in assembly.
+
'''Novembre 1979'''
  
 +
L'università di Sydney rilascia l'Australian Unix Share Accounting Method (AUSAM), una variante dello UNIX Time-Sharing 6th con miglioramenti mirati soprattutto sul fronte della sicurezza.
  
==UNIX Time-Sharing 6th Edition==
 
Maggio 1975
 
  
La prima distribuzione ad avere un discreto successo al di fuori dei cancelli dei Bell Labs, specialmente negli istituti di ricerca e nelle università. Si tratta del primo Unix portato su hardware non PDP.
+
===Versioni per Hardware ridotto===
  
http://wwwlehre.dhbw-stuttgart.de/~helbig/os/v6/doc/
 
http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V6
 
  
===Varianti===
+
====MINI-UNIX====
Bell Labs developed several variants of V6, including the stripped-down MINI-UNIX for low-end PDP-11 models, LSI-UNIX or LSX for the LSI-11, and the real-time operating system UNIX/RT, which merged V6 Unix and the earlier MERT hypervisor.[3]
+
Sviluppato per poter operare su tutti i PDP-11 senza ''memory management unit'' e con un ''word address space'' di soli 28K.
  
http://www.tuhs.org/Archive/PDP-11/Distributions/usdl/Mini-Unix/
+
[http://a2.pluto.it/a2/a2389.htm#almltitle9422 Emulazione]
http://www.tuhs.org/Archive/PDP-11/Distributions/usdl/LSX/
+
[http://www.60bits.net/msu/mycomp/terak/termubel.htm Manuale]
 +
[http://www.tuhs.org/Archive/PDP-11/Distributions/usdl/Mini-Unix/ Download]
  
After AT&T decided the distribution by Bell Labs of a number of pre-V7 bug fixes would constitute support (disallowed by an antitrust settlement) a tape with the patchset was slipped to Lou Katz of USENIX, who distributed them.[4]
 
  
The University of Sydney released the Australian Unix Share Accounting Method (AUSAM) in November 1979, a V6 variant with improved security and process accounting.
+
====LSX-UNIX====
 +
Sistema ottimizzato per LSI-11, il primo microprocessore della DEC, si tratta di una variante compatta del PDP-11 sviluppato in collaborazione con la Western Digital.
  
In the Eastern Bloc, clones of V6 Unix appeared for local-built PDP-11 clones (MNOS, later augmented for partial compatibility with BSD Unix) and for the Elektronika BK personal computer (BKUNIX, based on LSX).
+
[http://www.mirrorservice.org/sites/www.bitsavers.org/pdf/dec/pdp11/1103/EK-LSI11-TM-002.pdf Manuale]
 +
[http://www.retrotechnology.com/aux/dec_lsi11.html Immagini]
 +
[http://hampage.hu/pdp-11/lsi11.html Info]
 +
[http://simh.trailing-edge.com/semi/lsi11.html Hardware]
 +
[http://www.tuhs.org/Archive/PDP-11/Distributions/usdl/LSX Download]
  
V6 was used for teaching at MIT in 2002 through 2006, and subsequently replaced by an x86 clone called xv6.
 
http://en.wikipedia.org/wiki/Version_6_Unix
 
  
 +
===Port===
 +
====Interdata 7/3====
 +
'''1977'''
  
 +
All'Università di Wollongong Richard Miller e Ross Nealon, sotto la supervisione del Prof. Juris Reinfelds eseguono il primo port del Research Unix: il [http://www.tuhs.org/Archive/Other/Interdata/README Wollongong Interdata UNIX] per piattaforma Interdata 7/32.
  
==ARPANET==
+
====Interdata 8/32====
Con l'RFC 681 l'agenzia ARPA documenta i benefici del sistema Unix utilizzato nei mini-host di ARPANET.
+
Creato nei Bell Labs non fu mai ufficialmente rilasciato all'esterno. Fu creata anche una versione portabile anche del compilatore C: il Portable C Compiler (PCC); in seguito distribuito col Reserch Unix v7.
  
 +
====IBM VM/370====
 +
Un altro progetto di portabilità di Unix fu compiuto a Princeton tra il '76 ed il '77, in questo caso il kernel Unix fu adattato per girare su un IBM's VM/370.
  
==Thompson va a Berkeley==
 
Ken Thompson si prende un periodo di congedo dai Bell Labs per tornare all'università di Berkeley e per supervisionare l'installazione della Versione 6 di Unix su un PDP-11/70. Sistema che verrà poi sviluppato in maniera indipendente e rilasciato sotto il nome di Berkeley Software Distribution (BSD).
 
  
 +
====V6on286====
 +
'''1992'''
  
==CB UNIX==
+
Port del [http://www.tuhs.org/Archive/Other/V6on286/ V6 per 286], effettuato da uno studente di informatica di nome Szigeti Szabolcs.
Rilasciato il CB UNIX o Columbus UNIX, variante del Research Unix, per uso interno ai Bell Labs. Sviluppata a Columbus (Ohio) era basata sulle versioni 6 e 7 e sul codice del futuro PWB/UNIX. Poco conosciuta al di fuori dell'AT&T fu sviluppata per superare alcune carenze del Research Unix nella gestione dei database.
 
  
  
CB/UNIX was developed to address deficiencies
+
====xv6====
inherent in Research Unix, notably the lack of interprocess communication
+
A scopo didattico il Research Unix V6 è stato usato al MIT dal 2002 al 2006, successivamente è stato rimpiazzato da un clone per x86 denominato [https://pdos.csail.mit.edu/6.828/2016/xv6.html xv6].
and file locking, considered essential for a database management
 
system. Several Bell System operation support system products were
 
based on CB/UNIX such as Switching Control Center System. The primary
 
innovations were power-fail restart, line disciplines, terminal types,
 
and IPC features similar to System V's messages and shared memory.
 
  
http://www.tuhs.org/Archive/PDP-11/Distributions/other/CB_Unix/readme.txt
 
  
 +
===URSS===
 +
Anche nel blocco sovietico comparvero cloni Unix per varianti locali dei PDP-11.
  
=1977=
+
====MNOS====
==PWB/UNIX 1.0==
+
'''1981'''
Maggio 1977
 
  
AT&T rilascia PWB/UNIX 1.0  (Programmer's Workbench), variante del Research Unix V6 interna ai Bell Labs.
+
''MobilNaya Operatsionnaya Sistema'' (МобильНая Операционная Система; МНОС), in italiano Sistema Operativo Portatile.  
 +
Sviluppato inizialmente all'IPK Minavtoproma di Mosca, a questo successivamente si aggiunsero altri collaboratori, come il Kurchatov Institute. Era un sistema basato sul Reaserch Unix 6th Edition, ma incorporava diverse caratteristiche del BSD Unix.
 +
Sarà il primo sistema Unix bilingue della storia, in un primo momento usava il set proprietario di caratteri Cyrillic a 8-bit U-code, successivamente sostituito dal KOI-8 nel processo di integrazione con l'altro sistema Unix russo DEMOS.
  
http://www.textfiles.com/bitsavers/pdf/att/unix/PWB_UNIX/PWB_UNIX_Edition_1_Section_1_May77.pdf
 
  
==IS/1, il primo UNIX commerciale==
+
====DEMOS====
La Interactive Systems Corporation produce il primo Unix commerciale: IS/1, una variante del Research Unix Versione 6 per PDP-11.
+
'''1982'''
  
==Port per Interdata 7/3==
+
''Dialogovaya Edinaya Mobilnaya Operatsionnaya Sistema'' (Диалоговая Единая Мобильная Операционная Система; ДЕМОС), in italiano Sistema Operativo Portatile Interattivo Unificato.
Un gruppo di ricercatori dell'Università di Wollongong eseguono il port del Research Unix: il Wollongong Interdata UNIX per piattaforma Interdata 7/32.
 
  
 +
Al contrario del MNOC il DEMOS derivava dal BSD Unix.
 +
Sviluppato a Mosca presso il Kurchatov Institute, con la cooperazione di altre università e commercializzato dalla Cooperativa DEMOS. Le prime versioni giravano su architettura SM-4, un clone del PDP-11/40. Successivamente furono realizzati port per Elektronika-1082, BESM, ES EVM, cloni di VAX-11, IBM PC/XT, Elektronika-85 (clone del DEC Professional) e per macchine basate su Motorola 68020. Il suo sviluppo cessò nel 1991 quando il progetto RELCOM (la ARPANET russa) acquistò priorità.
  
=1978=
 
==UNSW 01==
 
24 Gennaio 1978
 
  
Con meno risonanza rispetto a Berkeley, anche la University of New South Wales (UNSW) creò un set di nastri basati con un mix di sorgenti e binari di UNIX Time-Sharing 6th Edition e PWB/UNIX 1.0.
+
====BKUNIX====
 +
'''2006'''
  
http://www.tuhs.org/Archive/PDP-11/Distributions/unsw/README
+
Port dell'LSX-UNIX per Elektronika BK-0010 realizzato da Sergey Vakulenko e Leonid Broukhis e pubblicato con licenza GPL.
  
==1BSD==
+
[http://sourceforge.net/projects/bkunix/ Download]
3 Settembre1978
+
[https://da.wikipedia.org/wiki/BKUNIX Info]
  
Rilasciato il first Berkeley Software Distribution (1BSD) per PDP-11.
 
non si tratta di un sistema operativo completo, ma di un add-on alla Versione 6 di Unix in cui Bill Joy (neolaurato a Berkeley, studente di Bob Fabry e futuro co-foundatore di Sun Microsystems) inserisce un compilatore Pascal e l'editor "ex".
 
  
http://www.informatica.co.cr/bsd/research/1970s/780201.txt
+
=USENIX=
 +
'''1975'''
  
==AUSAM==
+
Inizialmente conosciuta sotto il nome di ''Unix Users Group'' aveva l'obiettivo di studiare e sviluppare Unix.
Novembre 1978
+
Nel giugno del '77 i legali della AT&T avvisarono il gruppo che non potevano utilizzare la parola UNIX per il loro gruppo perché si trattava di un marchio registrato della Western Electric, così il nome fu cambiato in USENIX. Dalla sua creazione, crebbe fino a divenire una rispettabile organizzazione di sviluppatori, esperti e ricercatori. Sponsorizza ogni anno conferenze ed incontri, tra cui i più importanti sono la ''USENIX Annual Technical Conference'', lo ''USENIX Security Symposium'' e LISA.
  
L'università di Sydney rilascia l'Australian Unix Share Accounting Method (AUSAM), una variante dello UNIX Time-Sharing 6th con miglioramenti mirati soprattutto alla sicurezza.
 
  
 +
==Research UNIX pre-V7 patch==
 +
Tra il rilascio del Research UNIX V6 del '75 e quello della versione 7 del '79 Ken Thompson mise a punto numerosi bug fix, grazie anche ad aiuti esterni ai Bell Labs. La sua intenzione era quella di rilasciarli pubblicamente, ma i legali della compagnia pensarono che questo avrebbe potuto costituire una sorta di supporto non autorizzato e ne bloccarono il rilascio. In qualche modo però questi codici riuscirono ad evadere dai Bell Labs. Pare che un giorno Lou Katz, presidente della Usenix, ricevette una telefonata in cui gli veniva detto di farsi trovare in un preciso posto a Mountain Avenue (dove risiedevano i Bell Labs) alle 14 in punto e vi avrebbe trovato qualcosa di particolarmente interessante. In quel luogo Katz trovò un nastro contenente proprio i bug fix di Thompson.
  
=1979=
+
http://spectrum.ieee.org/computing/software/the-strange-birth-and-long-life-of-unix/0
==UNIX Time-Sharing 7th Edition==
 
  
Gennaio 1979
 
  
Si tratta del predecessore di tutti i moderni sistemi Unix. Beneficiando della grande diffusione della versione 6 incorpora varie utility e patch fornite da comunità di sviluppatori esterne ai Bell Labs, nonché del PWB/UNIX.
+
=BSD=
  
http://cm.bell-labs.com/7thEdMan/
+
http://www.salon.com/2000/05/16/chapter_2_part_one/
http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V7
 
  
  
==UNIX/32V==
+
==Berkeley acquista Unix==
Febbraio 1979
+
'''1973'''
  
La AT&T effettua il port del Research Unix V7 per DEC VAX: UNIX/32V, fornirà le basi per il 4BSD.
+
Dato che AT&T era tenuta a rilasciare, a chiunque ne facesse richiesta, le licenze per tutti i sorgenti del suo prodotto, il Prof. Bob Fabry di Berkeley acquistò per $99 i sorgenti del Research Unix 4th Edition.
 +
Il Computer Systems Research Group (CSRG) dell'università, finanziato dal DARPA, inizia a modificarne i sorgenti e a distribuire la propria variante del sistema operativo con l'acronimo BSD (Berkeley Software Distribution).
  
http://sunsite.icm.edu.pl/pub/unix/UnixArchive/VAX/Distributions/32V/
+
http://wolfram.schneider.org/bsd/ftp/article/bsdrole.html
  
==2BSD==
 
10/05/1979
 
  
2BSD per PDP-11: Joy aggiunge l'editor vi e la C shell.
+
==Thompson va a Berkeley==
 +
'''1975'''
  
http://www.informatica.co.cr/bsd/research/1970s/790408.txt
+
Ken Thompson prende un periodo di congedo dai Bell Labs e tornare all'università di Berkeley (dove era stato studente) per supervisionare l'installazione della Versione 6 di Unix su un PDP-11/70. Tale sistema verrà poi sviluppato in maniera indipendente e rilasciato sotto il nome di Berkeley Software Distribution (BSD).
  
==MINI UNIX==
 
1979 mini-unix
 
http://www.tuhs.org/Archive/PDP-11/Distributions/usdl/Mini-Unix/
 
  
 +
==1BSD==
 +
'''3 Settembre 1978'''
  
== AT&T USG==
+
Rilasciato il first Berkeley Software Distribution (1BSD) per PDP-11.
Unix stava crescendo in popolarità, soprattutto per quanto riguardava le varianti BSD. AT&T stava perdendo perdendo il controllo sul suo prodotto ed istituì lo Unix Support Group (USG), in seguito UNIX System Laboratories (USL), per riconquistare quote di mercato.
+
non si tratta di un sistema operativo completo, ma di un add-on alla Versione 6 di Unix in cui Bill Joy (neolaurato a Berkeley, studente di Bob Fabry e futuro co-foundatore di Sun Microsystems) inserisce un compilatore Pascal e l'editor "ex".
  
USG proceeded to christen a new version of Unix as AT&T System V, and declare it the new "standard"; AT&T representatives referred to BSD Unix as nonstandard and incompatible.
+
http://www.informatica.co.cr/bsd/research/1970s/780201.txt
  
http://www.go-ev.com/members/George_Hamstra/UNIXpeople.html
 
  
 +
==2BSD==
 +
'''10 Maggio 1979'''
  
=1980=
+
2BSD per PDP-11: Joy aggiunge l'editor vi e la C shell.
==DEC Unix Engineering Group==
+
Viene in oltre aggiunto il supporto a [https://en.wikipedia.org/wiki/Berknet Berknet], un protocollo di rete sviluppato da Eric Schmidt, come parte del suo lavoro per la tesi del master.
Lo sviluppo iniziale di Unix sia avvenuto su apparecchiature Digital Equipment Corporation (DEC), in particolare i sistemi DEC PDP-7 e PDP-11. Anche i computer DEC successivi, come i loro sistemi VAX, furono anche piattaforme popolari sulle quali eseguire Unix. Nonostante ciò DEC fornì per molto tempo unicamente il suo sistema operativo proprietario VMS prima implementare una propria versione di Unix.
+
Berknet collegherà più di 26 computer Unix offrendo servizi email, stampa, trasferimento file e shell remota; in oltre era interconnessa con i 2 principali network attivi in quel periodo: ARPANET e UUCPNET.
  
Elemento chiave nel portare Unix all'interno della compagnia fu lo Unix Engineering Group (UEG) di DEC, avviato da Bill Munson con Jerry Brenner e Fred Canter, entrambi del DEC premier Customer Service Engineering group, con Bill Shannon (dalla Case Western Reserve University), e Armando Stettner (dai Bell Labs). Altri membri che successivamente si aggiunsero all'UEG furono Joel Magid, Bill Doll e Jim Barclay reclutati da svariati gruppi di marketing e gestione prodotto della DEC.
+
http://www.informatica.co.cr/bsd/research/1970s/790408.txt
  
  
 
==3BSD==
 
==3BSD==
Il primo computer VAX fu installato a Berkeley nel 1978, ma il port di Unix per VAX (UNIX/32V) non ne gestiva la memoria virtuale.
+
Il primo computer VAX fu installato a Berkeley nel 1978, ma il suo port ufficiale (UNIX/32V) non ne gestiva la memoria virtuale.
 
Fu così che il kernel del 32V fu in gran parte riscritto dagli studenti di Berkeley per superare questa limitazione.
 
Fu così che il kernel del 32V fu in gran parte riscritto dagli studenti di Berkeley per superare questa limitazione.
  
Marzo 1980
+
'''Marzo 1980'''
  
 
Rilasciato il 3BSD (VAX): sistema operativo completo che includeva il port delle utility 2BSD per VAX, quelle del 32V ed il nuovo kernel. Chiamato anche VAX/UNIX or VMUNIX (for Virtual Memory Unix).
 
Rilasciato il 3BSD (VAX): sistema operativo completo che includeva il port delle utility 2BSD per VAX, quelle del 32V ed il nuovo kernel. Chiamato anche VAX/UNIX or VMUNIX (for Virtual Memory Unix).
Riga 272: Riga 317:
  
 
==4BSD==
 
==4BSD==
Ottobre 1980
+
'''Ottobre 1980'''
 +
 
 +
Versione aggiornata del 3BSD contenente tra il vari applicativi delivermail (il predecessore di sendmail).
 +
 
 +
NB: 4BSD resterà il sistema operativo di prima scelta per VAX fino al rilascio del System III. Diverse organizzazioni dopo aver acquistato la licenza per lo UNIX/32V ordinavano direttamente il 4BSD da Berkeley piuttosto che il nastro della AT&T. Addirittura varie installazioni all'interno dei Bell Labs utilizzavano 4.xBSD invece che il 32V o System III.
 +
 
 +
 
 +
==4.1BSD==
 +
'''Giugno 1981'''
 +
 
 +
Nasce in risposta alle critiche fatte in merito alle performance sui sistemi VAX rispetto al DEC VMS.
 +
 
 +
Shannon e Stettner del DEC's Unix Engineering Group (UEG), che stavano lavorando al supporto di CPU e device driver su UNIX/32V, decisero spostare i loro sforzi sul 4BSD.
 +
Fu così che Bill Joy raggiunse il New Hampshire per lavorare con Shannon e Stettner per confezionare una nuova release di BSD che incorporasse tali novità.
 +
 
 +
I tre realizzarono una versione beta sul VAX principale del gruppo di sviluppo di VMS (il sistema proprietario della DEC), fu così che una mattina i terminali salutarono gli sviluppatori VMS con un prompt di login Unix. La macchina dell'UEG fu quindi la prima ad eseguire il nuovo Unix, etichettato 4.1BSD sul tape che Bill Joy portò via con se al termine del lavoro.
 +
L'idea era che 5BSD sarebbe dovuta essere la successiva versione, ma gli avvocati dell'università pensarono che sarebbe stato meglio 4.1BSD per evitare confusione con l'AT&T UNIX System V.
 +
 
 +
Dopo il completamento di 4.1BSD Bill Joy lasciò Berkeley per lavorare alla Sun Microsystems. In seguito Bill Shannon lasciò il New Hampshire per unirsi a lui, mentre Armando Stettner rimase alla DEC e più tardi concepì ed avviò il progetto Ultrix.
 +
 
 +
 
 +
=Unix diventa commerciale=
 +
 
 +
==AT&T USG==
 +
 
 +
A causa del decreto 1956, AT&T non poteva ancora trasformare UNIX in un prodotto commerciale vero e proprio.
 +
 
 +
Unix stava però crescendo in popolarità, soprattutto per le varianti BSD; sentendo di star perdendo il controllo del suo prodotto la AT&T istituì lo Unix Support Group (USG), in seguito UNIX System Laboratories (USL).
 +
 
 +
http://www.go-ev.com/members/George_Hamstra/UNIXpeople.html
 +
 
 +
http://docstore.mik.ua/orelly/other/puis3rd/0596003234_puis3-chp-2-sect-1.html
 +
 
 +
=> Caso Lion's Book
 +
 
 +
=> Caso Research UNIX pre-V7 patch
  
Versione aggiornata del 3BSD contenente tra il vari applicativi delivermail (l'antecedente di sendmail).
+
http://www.salon.com/2000/05/16/chapter_2_part_one/
  
NB: 4BSD resterà il sistema operativo di prima scelta per VAX fino al rilascio del System III. Diverse organizzazioni dopo aver acquistato la licenza per lo UNIX/32V finivano per ordinare direttamente il 4BSD da Berkeley piuttosto che il nastro col 32V della AT&T. Addirittura varie installazioni all'interno dei Bell Labs utilizzavano 4.xBSD invece che il 32V o System III.
 
  
 +
==UNIX Time-Sharing 7th Edition==
 +
'''Gennaio 1979'''
  
 +
Si tratta del predecessore di tutti i moderni sistemi Unix. Beneficiando della grande diffusione della versione 6 incorpora varie utility e patch fornite da comunità di sviluppatori esterne ai Bell Labs, nonché del PWB/UNIX.
  
==Microsoft Xenix==
+
[https://9p.io/7thEdMan/ Manuale]
25/08/1980
+
[http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V7 Download]
 +
[http://a2.pluto.it/a2/a2389.htm#almltitle9420 Emulazione]
  
Già nel 1978 Microsoft, intuendo che quando i PC sarebbero diventati sufficientemente potenti Unix sarebbe stato il sistema operativo del futuro, aveva acquistato da AT&T la licenza per Unix.
+
Nel 2002 Caldera rilascia V7 con una licenza stile BSD e nel 2007 viene completato il primo port per PC: [http://www.nordier.com/v7x86/index.html V7/x86]
Adesso inizia a commercializzare la sua versione per microcomputer a 16-bit. Non disponendo anche della licenza per il marchio UNIX chiamò il suo prodotto Microsoft Xenix e decise di venderlo sotto forma di OEM a società come IBM, Intel e Siemens.
 
Inizialmente MS Xenix girava solo su PDP-11.
 
  
  
=1981=
+
==UNIX/32V==
==Xenix su Zilog==
+
'''Febbraio 1979'''
Xenix viene portato su Zilog Z8001
+
 
 +
AT&T effettua il port del Research Unix V7 per DEC VAX: UNIX/32V, fornirà le basi per il 4BSD.
 +
 
 +
http://sunsite.icm.edu.pl/pub/unix/UnixArchive/VAX/Distributions/32V/
 +
 
 +
 
 +
==UNIX System III==
 +
'''1982'''
 +
 
 +
Lo Unix Support Group (USG) licenzia per uso esterno il sistema UNIX System III.
 +
Si tratta di una sintesi dei i vari Unix interni ai Bell Labs: PWB/UNIX 2.0, CB UNIX 3.0, UNIX/TS 3.0.1 e UNIX/32V. Supportava le architetture DEC PDP-11 e VAX.
 +
L'intento di AT&T era quello di imporre il suo prodotto come il nuovo Unix ufficiale e rilegare i concorrenti, in particolare lo Unix BSD a ruolo di varianti non standard ed incompatibili con la versione ufficiale.
 +
 
 +
[http://www.textfiles.com/bitsavers/pdf/att/unix/System_III/UNIX_Users_Manual_Release_3_Jun80.pdf UNIX Users Manual Release 3]
 +
 
 +
 
 +
==UNIX System V (System Five)==
 +
'''Gennaio 1983'''
  
==UniSoft==
+
Rilasciato dalla AT&T per DEC VAX e PDP-11, incorporerà l'editor di testo vi e "courses" dal Berkeley Software Distribution.
Viene fondata la UniSoft Infotech Corporation, società che si impegnerà nella realizzazione di port di Unix per svariate a architetture. Il port della sua Unix Versione 7 sarà la base del futuro SunOS.
 
  
 +
[http://www.textfiles.com/bitsavers/pdf/att/unix/System_V_Release_1301-905_UNIX_System_V_Release_1_Users_Manual_Jan83.pdf UNIX System V Release 1 (Manuale Utente)]
  
==4.1BSD==
+
[http://www.textfiles.com/bitsavers/pdf/att/unix/System_V_Release_1/301926_UNIX_System_V_Release_1_Administators_Manual_Jun82.pdf UNIX System V Release 1 (Manuale Amministratore)]
Giugno 1981
 
  
Nasce in risposta alle critiche fatte in merito alle performance sui sistemi VAX rispetto al DEC VMS.
 
  
Shannon e Stettner del DEC's Unix Engineering Group (UEG), che stavano lavorando al supporto della CPU e device driver su UNIX/32V, decisero successivamente di concentrare i loro sforzi sul 4BSD.
+
===Smembramento AT&T===
Fu così che Bill Joy raggiunse il New Hampshire per lavorare con Shannon e Stettner per confezionare una nuova release di BSD che incorporasse il supporto CPU e i driver dell'UEG, nonché eseguire dei test dell'ultimo minuto su altre configurazioni disponibili negli stabilimenti DEC.
+
'''1984'''
  
I tre realizzarono una versione beta sul VAX principale utilizzato dal gruppo di sviluppo di VMS e la mattina successiva i terminali salutarono gli sviluppatori VMS con un prompt di login Unix... La macchina dell'UEG fu quindi la prima ad eseguire il nuovo Unix, etichettato 4.5BSD sul tape che Bill Joy portò via con se al termine del lavoro.  
+
Con una seconda causa antitrust, il dipartimento di giustizia degli USA impone alla AT&T di dividersi in sotto-compagnie: la più grande "Ma Bell", più vari operatori regionali denominati "Baby Bells".
L'idea era che 5BSD avrebbe dovuto essere la successiva versione, ma gli avvocati dell'università pensarono che sarebbe stato meglio chiamarla 4.1BSD per evitare confusione con l'AT&T UNIX System V.
+
Ciò sollevò la compagnia dal rispetto del decreto 1956 permettendole di trasformare Unix in un prodotto commerciale.
  
Dopo il completamento di 4.1BSD Bill Joy lasciò Berkeley per lavorare alla Sun Microsystems. In seguito Bill Shannon lasciò il New Hampshire per unirsi a lui, mentre Armando Stettner rimase alla DEC e più tardi concepì ed avviò il progetto Ultrix.
+
In risposta a ciò AT&T aumenta il prezzo delle licenze di Unix da $99 a $250,000.
  
  
==Unix/v7m==
+
===Research Unix Edition 8, 9 e 10===
22 Settembre 1981
+
Sviluppati nella seconda metà degli anni '80, massicciamente basati su BSD Unix, saranno rilasciati solo a poche università. Il loro sviluppo, da parte dei Bell Labs, culminerà con la creazione di un nuovo sistema: il Plan 9.
  
Il primo prodotto Unix nativo di DEC fu V7m (la "m" sta per modificato) per PDP-11 (successivamente rinominato Ultrix-11) ed era basato sullo Unix 7th Edition dei Bell Labs. Fu sviluppato dall'UEG originale: Fred Canter, Jerry Brenner, Armando Stettner, Bill Burns, Mary Anne Cacciola e Bill Munson, anche se il lavoro principale fu quello di Fred e Jerry. Conteneva numerose fix al kernel e molti nuovi driver di periferiche.
 
  
http://www.textfiles.com/bitsavers/pdf/dec/pdp11/ultrix-11/Unix_V7M_Release_2.1_Software_Description_Sep81.pdf
+
=DEC=
 +
Lo sviluppo iniziale di Unix è avvenuto su apparecchiature Digital Equipment Corporation (DEC), in particolare i sistemi DEC PDP-7 e PDP-11. Anche i computer DEC successivi, come i loro sistemi VAX, furono anche piattaforme popolari sulle quali eseguire Unix. Nonostante ciò DEC impiegò molto tempo prima di sviluppare una propria versione di Unix limitandosi a fornire unicamente il suo sistema operativo proprietario VMS. Elemento chiave nel portare Unix all'interno della compagnia fu lo ''Unix Engineering Group'' (UEG), avviato nel 1980 da Bill Munson, Jerry Brenner e Fred Canter, tutti facenti parte del DEC premier Customer Service Engineering group, a cui si aggregarono Bill Shannon (dalla Case Western Reserve University), e Armando Stettner (dai Bell Labs). Negli anni seguenti gruppi di marketing e gestione prodotto della DEC reclutarono altri membri, fra i quali: Joel Magid, Bill Doll e Jim Barclay.
  
  
Riga 325: Riga 421:
 
Nel 1982 Stettner riuscì ad ottenere una versione ufficiale della targa UNIX del New Hampshire, poco dopo che Shannon ebbe lasciato la DEC per lavorare alla Sun Microsystems.
 
Nel 1982 Stettner riuscì ad ottenere una versione ufficiale della targa UNIX del New Hampshire, poco dopo che Shannon ebbe lasciato la DEC per lavorare alla Sun Microsystems.
  
http://www.unix.org/license-plate.html
+
[http://www.unix.org/license-plate.html License Plate]
 +
 
 +
 
 +
==Unix/v7m==
 +
'''22 Settembre 1981'''
  
 +
Il primo prodotto Unix nativo di DEC fu V7m (la "m" sta per modificato) per PDP-11 (successivamente rinominato Ultrix-11) ed era basato sullo Unix 7th Edition dei Bell Labs. Fu sviluppato dall'UEG originale: Fred Canter, Jerry Brenner, Armando Stettner, Bill Burns, Mary Anne Cacciola e Bill Munson, anche se il lavoro principale fu quello di Fred e Jerry. Conteneva numerose fix al kernel e molti nuovi driver di periferiche.
  
=1982=
+
[http://www.textfiles.com/bitsavers/pdf/dec/pdp11/ultrix-11/Unix_V7M_Release_2.1_Software_Description_Sep81.pdf Manuale]
==UNIX System III==
 
Lo Unix Support Group (USG) di AT&T licenzia per uso esterno il sistema UNIX System III.
 
Si tratta di un mix con lo scopo di unificare i vari Unix interni ai Bell Labs: PWB/UNIX 2.0, CB UNIX 3.0, UNIX/TS 3.0.1 e UNIX/32V. Supportava le architetture DEC PDP-11 e VAX.
 
  
http://www.textfiles.com/bitsavers/pdf/att/unix/System_III/UNIX_Users_Manual_Release_3_Jun80.pdf
 
  
 +
==Ultrix-32==
 +
'''Giugno 1984'''
  
==MS & SCO==
+
La prima release di Ultrix fu Ultrix-32 (detta anche semplicemente ULTRIX), era basato su 4.2BSD con alcune features non relative al kernel provenienti da System V. Fu principalmente un parto della mente di Armando Stettner. Il suo scopo era offrire uno Unix nativo per VAX supportato ufficialmente da DEC.
Inizia la collaborazione tra Microsoft e Santa Cruz Operation (SCO) su Xenix.
+
 
 +
Anche in futuro lo Unix Engineering Group (UEG) e Berkeley collaboreranno fra loro per supportare al meglio l'architettura VAX.  
  
 +
[ftp://ifctfvax.harhan.org/pub/UNIX/thirdparty/Ultrix-32/sources/ Download]
  
==Sun Microsystems==
+
http://www.unixportal.net/la-famiglia-unix/ultrix/
Bill Joy, ex studente di Berkeley e sviluppatore BSD, fonda insieme a Vinod Khosia, Scott McNealy e Andy Bechtolsheim la Sun Microsystems.
 
  
==Sun UNIX 0.7==
 
Rilasciato Sun UNIX 0.7, basato su UniSoft UNIX v7, verrà utilizzato sui sistemi Sun-1
 
  
 +
=Microsoft Xenix=
 +
'''25 Agosto 1980'''
  
=1983=
+
Già dal 1978, intuendo che quando i PC sarebbero diventati sufficientemente potenti Unix sarebbe stato il sistema operativo del futuro, Microsoft aveva acquistato da AT&T la licenza di Unix.
==Smembramento AT&T==
+
Inizia però solo adesso la commercializzazione della sua versione per microcomputer a 16-bit. Non disponendo però anche dei diritti per il marchio UNIX chiamò il suo prodotto Xenix e scelse di venderlo sotto forma di OEM a società come IBM, Intel e Siemens. Le prime versioni di Xenix supportavano solo il PDP-11.
Il dipartimento di giustizia delle USA impone, con una seconda causa antitrust, alla AT&T di dividersi in varie sotto-compagnie: la più grande "Ma Bell", più vari operatori regionali denominati "Baby Bells".
 
Ciò solleva la AT&T dal rispetto del decreto 1956 permettendogli di trasformare Unix in un prodotto commerciale.
 
  
La nuova licenza commerciale di UNIX non sarà più così appetibile, per uso accademico, come quella delle vecchie versioni.
 
  
==UNIX System V (System Five)==
+
==Xenix su Zilog==
Gennaio 1983
+
'''1981'''
 +
Xenix viene portato su Zilog Z8001
  
Rilasciato dalla AT&T per DEC VAX e PDP-11, incorporerà l'editor di testo vi e "courses" dal Berkeley Software Distribution.
 
  
http://www.textfiles.com/bitsavers/pdf/att/unix/System_V_Release_1301-905_UNIX_System_V_Release_1_Users_Manual_Jan83.pdf
+
==MS & SCO==
 +
'''1982'''
  
 +
Inizia la collaborazione tra Microsoft e Santa Cruz Operation (SCO) per lo sviluppo di Xenix.
  
http://www.textfiles.com/bitsavers/pdf/att/unix/System_V_Release_1/301-926_UNIX_System_V_Release_1_Administators_Manual_Jun82.pdf
 
  
 
==TRS-Xenix per M68K==
 
==TRS-Xenix per M68K==
Riga 368: Riga 466:
  
 
La Tandy Corporation commercia TRS-XENIX per i suoi sistemi basati su CPU Motorola 68000.
 
La Tandy Corporation commercia TRS-XENIX per i suoi sistemi basati su CPU Motorola 68000.
 +
 +
 +
==Xenix su Apple==
 +
'''1984'''
 +
Un port per Apple Lisa con CPU M68K sviluppato da SCO e Microsoft e distribuito da SCO.
 +
 +
 +
== SCO UNIX ==
 +
'''1987'''
 +
 +
La Microsoft perde interesse per i sistemi UNIX, decidendo di concentrarsi su DOS/Windows vende i diritti di Xenix alla Santa Cruz Operation (SCO).
 +
SCO ne effettua il port per procesori i386 a 32-bit, sarà il primo sistema operativo a 32 bit disponibile per tale piattaforma e ne incrementerà a tal punto la diffusione da farlo divenire, per fine degli anni '80, la versione UNIX più diffusa al mondo  (The Design and Implementation of the 4.3BSD UNIX Operating System, cit.)
 +
Basato essenzialmente su 4.2BSD lo Xenix System V release 2.3.1 introduce il supporto per le periferiche SCSI ed il protocollo TCP/IP.
 +
 +
''[http://www.bitsavers.org/pdf/sco/system_V_2.x/2.3.2/ Manuali]''
 +
 +
Nel 1989, giunto alla versione 2.3.4, SCO ne cambia il nome in SCO UNIX.
 +
 +
''Curiosità: Microsoft ha affermato di aver utilizzato internamente per la sua compagnia Xenix su macchine Sun e VAX fino al 1992''.
 +
 +
= Novell UnixWare=
 +
Anche Novell dimostrò interesse per i sistemi UNIX e ne 1993 rileva da AT&T gli Unix System Laboratories (USL) e tutti i marchi relativi a Unix System V, dopo che, precedentemente, aveva dato vita ad una partnership con la stessa AT&T (denominata Univel), finalizzata allo sviluppo di UnixWare (nome in codice Destiny), una versione Unix per architetture x86.
 +
 +
L'intento era quello di portare sulla piattaforma UNIX le utility di rete dalla propria piattaforma Netware, ormai in seria difficoltà per la concorrenza con Microsoft Windows NT (UnixWare = Unix + NetWare).
 +
 +
A cavallo del 1995/1996 Novell, però, non può far altro che accettare l’insuccesso della propria tattica relativa si sistemi operativi desktop, cedendo UnixWare a SCO (1995) e l’intero asset derivato da Digital Research a Caldera (1996). L’accordo con SCO, successivamente, causerà non pochi problemi a Novell coinvolgendola in una serie di azioni legali (la cosiddetta ''[http://en.wikipedia.org/wiki/Unix_wars Unix War]'') per la proprietà dei codici sorgenti e dei marchi attinenti a UNIX. Ad essere contesi sono i diritti relativi a Unix System V che Novell afferma di non aver mai ceduto a SCO insieme a UnixWare, tesi poi avvallata dal giudice federale Kimball che, a novembre del 2008, darà ragione a Novell condannando SCO a pagare 2.5 milioni di dollari derivati dall’uso improprio di marchi e prodotti appartenenti a Novell.
 +
 +
http://docstore.mik.ua/orelly/other/puis3rd/0596003234_puis3-chp-2-sect-1.html
 +
 +
https://www.storiainformatica.it/novell/101-company/novell/508-il-dos-e-wordperfect
 +
 +
=Sun Microsystems=
 +
==UniSoft==
 +
'''1981'''
 +
 +
Viene fondata la UniSoft Infotech Corporation, società che si impegnerà nella realizzazione di port di Unix per svariate a architetture. Il port della sua Unix Versione 7 sarà la base del futuro SunOS.
 +
 +
 +
'''24 Febbraio 1982'''
 +
 +
Bill Joy, ex studente di Berkeley e sviluppatore BSD, fonda insieme a Vinod Khosia, Scott McNealy e Andy Bechtolsheim la Sun Microsystems.
 +
 +
 +
==Sun UNIX 0.7==
 +
'''1982'''
 +
Rilasciato Sun UNIX 0.7, basato su UniSoft UNIX v7, verrà utilizzato sui sistemi Sun-1
 +
 +
===SunOS 1.0===
 +
'''1983'''
 +
 +
Basato su 4.1BSD, aggiunge il supporto per le Workstation Sun-2
 +
 +
==SunOS 1.1==
 +
'''Aprile 1984'''
 +
 +
 +
==SunOS 1.2==
 +
'''Gennaio 1985'''
 +
 +
Basato su 4.1BSD
 +
 +
==SunOS 2.0==
 +
'''Maggio 1985'''
 +
 +
Basato su 4.2BSD, introduce il supporto al filesystem layer (VFS) e al protocollo Network File System (NFS )
  
  
Riga 376: Riga 539:
  
  
==SunOS 1.0==
+
=GNU=
Basato su 4.1BSD, aggiunge il supporto per le Workstation Sun-2
+
''27 Settembre 1983''
 
 
 
 
==GNU==
 
27 Settembre 1983
 
  
 
Richard Stallman annuncia al mondo il Progetto GNU per realizzazione di un sistema Unix alternativo e libero.
 
Richard Stallman annuncia al mondo il Progetto GNU per realizzazione di un sistema Unix alternativo e libero.
Riga 387: Riga 546:
 
https://www.gnu.org/gnu/initial-announcement.en.html
 
https://www.gnu.org/gnu/initial-announcement.en.html
  
 
+
http://docstore.mik.ua/orelly/other/puis3rd/0596003234_puis3-chp-2-sect-1.html
  
 
=1984=
 
=1984=
Riga 393: Riga 552:
 
Molte baseranno i loro sistemi sul System V licenziato dalla AT&T, mentre altri opteranno per i BSD.
 
Molte baseranno i loro sistemi sul System V licenziato dalla AT&T, mentre altri opteranno per i BSD.
  
==Xenix su Apple==
 
Un port per Apple Lisa con CPU M68K sviluppato da SCO e Microsoft e distribuito da SCO.
 
  
==SCO Xenix per PC==
 
Basato essenzialmente su 4.2BSD
 
  
 
==HP-UX==
 
==HP-UX==
Riga 407: Riga 562:
  
  
==SunOS 1.1==
+
 
Aprile 1984
 
  
 
http://en.wikipedia.org/wiki/History_of_Unix#1990s
 
http://en.wikipedia.org/wiki/History_of_Unix#1990s
Riga 416: Riga 570:
  
  
==Ultrix-32==
 
La prima release di Ultrix fu Ultrix-32 (detta anche semplicemente ULTRIX), era basato su 4.2BSD con alcune features non relative al kernel provenienti da System V. Fu principalmente un parto della mente di Armando Stettner. Il suo scopo era offrire uno Unix nativo per VAX supportato ufficialmente da DEC.
 
 
Anche in futuro lo Unix Engineering Group (UEG) e Berkeley collaboreranno fra loro per supportare al meglio l'architettura VAX.
 
 
ftp://ifctfvax.harhan.org/pub/UNIX/thirdparty/Ultrix-32/sources/
 
  
 
=1985=
 
==SunOS 1.2==
 
Gennaio 1985
 
 
Basato su 4.1BSD
 
 
==SunOS 2.0==
 
Maggio 1985
 
 
Basato su 4.2BSD, introduce il supporto al filesystem layer (VFS) e al protocollo Network File System (NFS )
 
  
  
Riga 442: Riga 579:
 
http://minnie.tuhs.org/Unix_History/4bsd
 
http://minnie.tuhs.org/Unix_History/4bsd
  
 +
http://www.dmst.aueb.gr/dds/pubs/conf/2015-MSR-Unix-History/html/Spi15c.html
  
 
==MINIX==
 
==MINIX==
Riga 455: Riga 593:
  
 
=1987=
 
=1987=
In 1987, SCO ported Xenix to the 386 processor, a 32-bit chip, this after securing knowledge from Microsoft insiders that Microsoft was no longer developing Xenix.[26] Xenix System V release 2.3.1 introduced support for i386, SCSI and TCP/IP. SCO's Xenix System V/386 was the first 32-bit operating system available on the market for the x86 CPU Architecture.
 
  
Microsoft continued to use Xenix internally, submitting a patch to support functionality in UNIX to AT&T in 1987, which trickled down to the code base of both Xenix and SCO UNIX. Microsoft is said to have used Xenix on Sun workstations and VAX minicomputers extensively within their company as late as 1992.
 
  
  
Riga 493: Riga 629:
  
 
* http://www.unix-diagram.org/
 
* http://www.unix-diagram.org/
 +
 +
* http://spectrum.ieee.org/computing/software/the-strange-birth-and-long-life-of-unix/0
 +
 +
* http://www.oreilly.com/openbook/opensources/book/kirkmck.html
 +
 +
* http://sco-vs-ibm.org/
 +
 +
* http://www.salon.com/2000/05/16/chapter_2_part_one/
 +
  
 
IMG
 
IMG
Riga 558: Riga 703:
 
ULTRIX (DEC)
 
ULTRIX (DEC)
 
NextStep (NeXT)
 
NextStep (NeXT)
 +
 +
[[Category:Officina]]

Versione attuale delle 18:26, 24 nov 2020

Gli albori

AT&T e l'Antitrust

1956 L'antitrust impedisce all'American Telephone and Telegraph (AT&T), monopolista nel settore delle telecomunicazioni, di espandersi in ulteriori settori di mercato. Sono cancellate le royalty dei brevetti non strettamente legati alla telefonia.

CTSS

1961

Fernando Corbato guida il team che, presso il Computation Center del MIT, creerà il primo sistema operativo multi utente della storia: il Compatible Time-Sharing System (CTSS), punto di partenza per il futuro Multics.


Multics

1964

AT&T, Honeywell, General Electric ed il MIT, col patrocinio del Dipartimento di Difesa americano (DARPA), iniziano lo sviluppo del sistema operativo Multics (Multiplexed Information and Computing Service) con l'obiettivo di creare una piattaforma modulare per mainframe GE-645 in grado di controllare a distanza altri macchinari.


AT&T abbandona Multics

1969

Rivelatosi più complesso del previsto e visti i pesanti ritardi sulla tabella di marcia AT&T esce dal progetto Multics.

Ken Thompson, ricercatore presso AT&T per il progetto Multics, aveva sviluppato un gioco dal nome "Space Travel" (gioco in cui si doveva pilotare una navicella spaziale attraverso il sistema solare e farla atterrare su vari pianeti). Non avendo più accesso a Multics decise di riprogrammare il gioco in Fortran per GECOS (General Electric Comprehensive Operating System, ribattezzato successivamente GCOS quando la GE cedette tale divisione alla Honeywell) su hardware GE-635. Non era però soddisfatto di alcuni aspetti: il display andava a scatti ed un'ora di accesso al GECOS costava ben $75. Fu così che recuperò presso i Bell Labs della AT&T un PDP-7 con un buon processore grafico ed insieme all'amico e collega Dennis Ritchie effettuò il port in assembly del gioco utilizzando un cross compilatore assembler per GECOS. Space Travel servì da esercizio per la preparazione di un completo sistema operativo per PDP-7.


Honeywell commercializza Multics

1973

Al contrario di quello che molti pensano, la storia di Multics non finisce qui. Qualche anno dopo l'abbandono del progetto da parte di AT&T la Honeywell sviluppa una nuova generazione di hardware ed inizia la commercializzazione di questo sistema che durerà fino a metà anni '80.

http://www.multicians.org/myths.html#fail69

Ken's New System

Settembre 1969

A Thompson e Ritchie si unirono altri ricercatori, fra i quali Joe Ossanna e Doug McIlroy. Insieme definirono le basi di un nuovo sistema operativo: idearono i concetti di processi e device file, produssero un filesystem gerarchico, un interprete di comandi (shell) ed alcune utility (copy, delete, print, edit).

Fino a questo momento tutti i programmi erano stati scritti su GECOS e trasferiti su PDP-7 attraverso un nastro di carta, successivamente fu ultimato un assembler per PDP-7 e fu possibile compilare i programmi direttamente sul PDP.

UNICS

1970

Peter Neumann propone il nome UNICS (UNiplexed Information and Computing Service) in antitesi a Multics (Multiplexed Information and Computer Services) per il Ken's New System. Al contrario di quello che spesso si può leggere in rete, il termine UNICS non fu mai utilizzato né stampato su alcun manuale perché al suo posto fu scelto l'acronimo di Brian Kernighan: UNIX.

http://www.unix-diagram.org/


Research UNIX

UNIX su PDP-11

1971

Il Computing Sciences Research Center dei Bell Labs, dove lavorava il team di Thompson e Ritchie, inoltrò all'AT&T una richiesta di $65.000 per finanziare l'acquisto di un DEC PDP-11/20 con la promessa di svilupparci l'editor di testo che la società necessitava per la gestione elettronica dei propri brevetti. Piuttosto che scrivere da capo l'editor fu poi preferito portare il già esistente formattatore di testo "roff" da PDP-7 a PDP-11.

Primavera del 1971

Realizzato un sistema Unix funzionante, completamente riscritto in assembly e dotato di editor di testo per PDP-11.

Le versioni successive di questo Unix Time-Sharing System vennero denominate Research Unix per non confonderlo col futuro Unix commerciale di AT&T (System III e V) ed erano identificate dal numero dell'edizione del rispettivo manuale utente.

PDP-11 Boot PDP-11 disco RL02


UNIX Time-Sharing 1st Edition

3 Novembre 1971

Prima edizione del manuale Unix, basato sulla versione per PDP-11. Fu lo Unix usato per processare i documenti relativi ai brevetti della AT&T.


Manuale

http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V1


UNIX Time-Sharing 2nd Edition

12 Giugno 1972

Il numero totale di installazioni arriva a 10.

http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V2

http://www.tuhs.org/Archive/PDP-11/Distributions/research/1972_stuff/unix_2nd_edition_manual.pdf

Conversione in C

Inizia la ristesura di Unix nel linguaggio di programmazione C inventato da Ritchie. La migrazione da assembly ad un linguaggio di alto livello come il C garantisce una più semplice portabilità del software verso altre piattaforme.

UNIX Time-Sharing 3rd Edition

Febbraio 1973

Introdotto il linguaggio C e le "pipes", il numero totale delle installazioni sale a 16. I comandi vengono suddivisi tra /bin e /usr/bin (il mountpoint di un secondo hard disk) perché i 256 KB del disco della macchina di test vengono saturati.

http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V3

http://www.textfiles.com/bitsavers/pdf/att/unix/3rd_Edition/UNIX_Programmers_Manual_Third_Edition_Feb73.pdf


UNIX Time-Sharing 4th Edition

Novembre 1973

Prima versione di Unix scritta interamente in C. Introduce il supporto ai gruppi di utenti (/etc/groups). Il numero di installazioni sale a 20. Il manuale non è più scritto a macchina come i precedenti, ma è formattato con "troff" (successore di roff). Si tratta della prima versione pubblica di Unix, le precedenti erano riservate ad uso prevalentemente interno dei Bell Labs.

http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl?file=V4


Programmer's Workbench (PWB)

Alla AT&T evolvono spontaneamente svariate varianti ufficiose del Research Unix, tutte usate limitatamente da piccoli gruppi e adattate a svolgere compiti ben specifici. Nei Bell Labs viene avviato il Programmer's Workbench (PWB), un progetto guidato da Evan Ivie e Rudd Canaday allo scopo di creare uno "Unix Computer Center" per un utilizzo interdipartimentale e contenere i costi spostando le varie attività di sviluppo dagli eterogenei ed espensivi mainframe verso una comune piattaforma Unix PDP-11.


UNIX Time-Sharing 5th Edition

1974

Aumenta il numero delle piattaforme PDP supportate ed il numero delle installazioni sale a 50.

Manuale

Emulazione

Download


UNIX Time-Sharing 6th Edition

Maggio 1975

Prima distribuzione ad avere un discreto successo al di fuori dei Bell Labs, specialmente negli istituti di ricerca e nelle università. Sarà il primo Unix ad essere portato su hardware non PDP.

Installazione Download Emulazione


1976 John Lions, professore della University of New South Wales (UNSW), scrive e distribuisce il Lions' Commentary on UNIX 6th Edition; contenente il set integrale dei sorgenti del Research UNIX 6th Edition completi di guida per l'utente, manuale d'installazione ed informazioni sull'hardware.

Per alcuni anni il Lions Book fu l'unica documentazione su Unix disponibile al di fuori dei Bell Labs, la licenza del Research UNIX 7th Edition vieterà l'uso dei sorgenti per scopi didattici e questo manuale non ufficiale diventerà illegale. Resterà comunque uno dei libri più fotocopiati nella storia dell'informatica.


Con l'RFC 681 l'agenzia ARPA documenta i benefici del sistema Unix utilizzato nei mini-host di ARPANET.


Unix basati sul Research V6

UNIX-RT

Unix Real-Time sviluppato nei Bell Labs, fusione tra Research Unix V6 ed il MERT hypervisor


CB UNIX

CB UNIX o Columbus UNIX, variante del Research Unix per uso interno dei Bell Labs. Sviluppata a Columbus (Ohio), era basata sulle versioni 6 e 7 e sul codice del futuro PWB/UNIX. Poco conosciuta al di fuori dell'AT&T, fu sviluppata per superare alcune carenze del Research Unix (interprocess communication e file locking) per la gestione dei database.


PWB/UNIX 1.0

Maggio 1977

AT&T rilascia PWB/UNIX 1.0 (Programmer's Workbench), variante del Research Unix V6 interna ai Bell Labs.


IS/1

La Interactive Systems Corporation produce il primo Unix commerciale: IS/1, una variante del Research Unix Versione 6 per PDP-11.


UNSW

24 Gennaio 1978

Con meno risonanza rispetto a quanto farà Berkeley, anche la University of New South Wales (UNSW) creò set di nastri con un mix di sorgenti e binari di UNIX Time-Sharing 6th Edition, PWB/UNIX 1.0 e anche con versioni successive di Unix.

Download


AUSAM

Novembre 1979

L'università di Sydney rilascia l'Australian Unix Share Accounting Method (AUSAM), una variante dello UNIX Time-Sharing 6th con miglioramenti mirati soprattutto sul fronte della sicurezza.


Versioni per Hardware ridotto

MINI-UNIX

Sviluppato per poter operare su tutti i PDP-11 senza memory management unit e con un word address space di soli 28K.

Emulazione Manuale Download


LSX-UNIX

Sistema ottimizzato per LSI-11, il primo microprocessore della DEC, si tratta di una variante compatta del PDP-11 sviluppato in collaborazione con la Western Digital.

Manuale Immagini Info Hardware Download


Port

Interdata 7/3

1977

All'Università di Wollongong Richard Miller e Ross Nealon, sotto la supervisione del Prof. Juris Reinfelds eseguono il primo port del Research Unix: il Wollongong Interdata UNIX per piattaforma Interdata 7/32.

Interdata 8/32

Creato nei Bell Labs non fu mai ufficialmente rilasciato all'esterno. Fu creata anche una versione portabile anche del compilatore C: il Portable C Compiler (PCC); in seguito distribuito col Reserch Unix v7.

IBM VM/370

Un altro progetto di portabilità di Unix fu compiuto a Princeton tra il '76 ed il '77, in questo caso il kernel Unix fu adattato per girare su un IBM's VM/370.


V6on286

1992

Port del V6 per 286, effettuato da uno studente di informatica di nome Szigeti Szabolcs.


xv6

A scopo didattico il Research Unix V6 è stato usato al MIT dal 2002 al 2006, successivamente è stato rimpiazzato da un clone per x86 denominato xv6.


URSS

Anche nel blocco sovietico comparvero cloni Unix per varianti locali dei PDP-11.

MNOS

1981

MobilNaya Operatsionnaya Sistema (МобильНая Операционная Система; МНОС), in italiano Sistema Operativo Portatile. Sviluppato inizialmente all'IPK Minavtoproma di Mosca, a questo successivamente si aggiunsero altri collaboratori, come il Kurchatov Institute. Era un sistema basato sul Reaserch Unix 6th Edition, ma incorporava diverse caratteristiche del BSD Unix. Sarà il primo sistema Unix bilingue della storia, in un primo momento usava il set proprietario di caratteri Cyrillic a 8-bit U-code, successivamente sostituito dal KOI-8 nel processo di integrazione con l'altro sistema Unix russo DEMOS.


DEMOS

1982

Dialogovaya Edinaya Mobilnaya Operatsionnaya Sistema (Диалоговая Единая Мобильная Операционная Система; ДЕМОС), in italiano Sistema Operativo Portatile Interattivo Unificato.

Al contrario del MNOC il DEMOS derivava dal BSD Unix. Sviluppato a Mosca presso il Kurchatov Institute, con la cooperazione di altre università e commercializzato dalla Cooperativa DEMOS. Le prime versioni giravano su architettura SM-4, un clone del PDP-11/40. Successivamente furono realizzati port per Elektronika-1082, BESM, ES EVM, cloni di VAX-11, IBM PC/XT, Elektronika-85 (clone del DEC Professional) e per macchine basate su Motorola 68020. Il suo sviluppo cessò nel 1991 quando il progetto RELCOM (la ARPANET russa) acquistò priorità.


BKUNIX

2006

Port dell'LSX-UNIX per Elektronika BK-0010 realizzato da Sergey Vakulenko e Leonid Broukhis e pubblicato con licenza GPL.

Download Info


USENIX

1975

Inizialmente conosciuta sotto il nome di Unix Users Group aveva l'obiettivo di studiare e sviluppare Unix. Nel giugno del '77 i legali della AT&T avvisarono il gruppo che non potevano utilizzare la parola UNIX per il loro gruppo perché si trattava di un marchio registrato della Western Electric, così il nome fu cambiato in USENIX. Dalla sua creazione, crebbe fino a divenire una rispettabile organizzazione di sviluppatori, esperti e ricercatori. Sponsorizza ogni anno conferenze ed incontri, tra cui i più importanti sono la USENIX Annual Technical Conference, lo USENIX Security Symposium e LISA.


Research UNIX pre-V7 patch

Tra il rilascio del Research UNIX V6 del '75 e quello della versione 7 del '79 Ken Thompson mise a punto numerosi bug fix, grazie anche ad aiuti esterni ai Bell Labs. La sua intenzione era quella di rilasciarli pubblicamente, ma i legali della compagnia pensarono che questo avrebbe potuto costituire una sorta di supporto non autorizzato e ne bloccarono il rilascio. In qualche modo però questi codici riuscirono ad evadere dai Bell Labs. Pare che un giorno Lou Katz, presidente della Usenix, ricevette una telefonata in cui gli veniva detto di farsi trovare in un preciso posto a Mountain Avenue (dove risiedevano i Bell Labs) alle 14 in punto e vi avrebbe trovato qualcosa di particolarmente interessante. In quel luogo Katz trovò un nastro contenente proprio i bug fix di Thompson.

http://spectrum.ieee.org/computing/software/the-strange-birth-and-long-life-of-unix/0


BSD

http://www.salon.com/2000/05/16/chapter_2_part_one/


Berkeley acquista Unix

1973

Dato che AT&T era tenuta a rilasciare, a chiunque ne facesse richiesta, le licenze per tutti i sorgenti del suo prodotto, il Prof. Bob Fabry di Berkeley acquistò per $99 i sorgenti del Research Unix 4th Edition. Il Computer Systems Research Group (CSRG) dell'università, finanziato dal DARPA, inizia a modificarne i sorgenti e a distribuire la propria variante del sistema operativo con l'acronimo BSD (Berkeley Software Distribution).

http://wolfram.schneider.org/bsd/ftp/article/bsdrole.html


Thompson va a Berkeley

1975

Ken Thompson prende un periodo di congedo dai Bell Labs e tornare all'università di Berkeley (dove era stato studente) per supervisionare l'installazione della Versione 6 di Unix su un PDP-11/70. Tale sistema verrà poi sviluppato in maniera indipendente e rilasciato sotto il nome di Berkeley Software Distribution (BSD).


1BSD

3 Settembre 1978

Rilasciato il first Berkeley Software Distribution (1BSD) per PDP-11. non si tratta di un sistema operativo completo, ma di un add-on alla Versione 6 di Unix in cui Bill Joy (neolaurato a Berkeley, studente di Bob Fabry e futuro co-foundatore di Sun Microsystems) inserisce un compilatore Pascal e l'editor "ex".

http://www.informatica.co.cr/bsd/research/1970s/780201.txt


2BSD

10 Maggio 1979

2BSD per PDP-11: Joy aggiunge l'editor vi e la C shell. Viene in oltre aggiunto il supporto a Berknet, un protocollo di rete sviluppato da Eric Schmidt, come parte del suo lavoro per la tesi del master. Berknet collegherà più di 26 computer Unix offrendo servizi email, stampa, trasferimento file e shell remota; in oltre era interconnessa con i 2 principali network attivi in quel periodo: ARPANET e UUCPNET.

http://www.informatica.co.cr/bsd/research/1970s/790408.txt


3BSD

Il primo computer VAX fu installato a Berkeley nel 1978, ma il suo port ufficiale (UNIX/32V) non ne gestiva la memoria virtuale. Fu così che il kernel del 32V fu in gran parte riscritto dagli studenti di Berkeley per superare questa limitazione.

Marzo 1980

Rilasciato il 3BSD (VAX): sistema operativo completo che includeva il port delle utility 2BSD per VAX, quelle del 32V ed il nuovo kernel. Chiamato anche VAX/UNIX or VMUNIX (for Virtual Memory Unix). Le immagini dei kernel BSD saranno chiamate /vmunix fino alla versione 4.4BSD.

http://sunsite.icm.edu.pl/pub/unix/UnixArchive/4BSD/Distributions/3bsd.tar.gz


4BSD

Ottobre 1980

Versione aggiornata del 3BSD contenente tra il vari applicativi delivermail (il predecessore di sendmail).

NB: 4BSD resterà il sistema operativo di prima scelta per VAX fino al rilascio del System III. Diverse organizzazioni dopo aver acquistato la licenza per lo UNIX/32V ordinavano direttamente il 4BSD da Berkeley piuttosto che il nastro della AT&T. Addirittura varie installazioni all'interno dei Bell Labs utilizzavano 4.xBSD invece che il 32V o System III.


4.1BSD

Giugno 1981

Nasce in risposta alle critiche fatte in merito alle performance sui sistemi VAX rispetto al DEC VMS.

Shannon e Stettner del DEC's Unix Engineering Group (UEG), che stavano lavorando al supporto di CPU e device driver su UNIX/32V, decisero spostare i loro sforzi sul 4BSD. Fu così che Bill Joy raggiunse il New Hampshire per lavorare con Shannon e Stettner per confezionare una nuova release di BSD che incorporasse tali novità.

I tre realizzarono una versione beta sul VAX principale del gruppo di sviluppo di VMS (il sistema proprietario della DEC), fu così che una mattina i terminali salutarono gli sviluppatori VMS con un prompt di login Unix. La macchina dell'UEG fu quindi la prima ad eseguire il nuovo Unix, etichettato 4.1BSD sul tape che Bill Joy portò via con se al termine del lavoro. L'idea era che 5BSD sarebbe dovuta essere la successiva versione, ma gli avvocati dell'università pensarono che sarebbe stato meglio 4.1BSD per evitare confusione con l'AT&T UNIX System V.

Dopo il completamento di 4.1BSD Bill Joy lasciò Berkeley per lavorare alla Sun Microsystems. In seguito Bill Shannon lasciò il New Hampshire per unirsi a lui, mentre Armando Stettner rimase alla DEC e più tardi concepì ed avviò il progetto Ultrix.


Unix diventa commerciale

AT&T USG

A causa del decreto 1956, AT&T non poteva ancora trasformare UNIX in un prodotto commerciale vero e proprio.

Unix stava però crescendo in popolarità, soprattutto per le varianti BSD; sentendo di star perdendo il controllo del suo prodotto la AT&T istituì lo Unix Support Group (USG), in seguito UNIX System Laboratories (USL).

http://www.go-ev.com/members/George_Hamstra/UNIXpeople.html

http://docstore.mik.ua/orelly/other/puis3rd/0596003234_puis3-chp-2-sect-1.html

=> Caso Lion's Book

=> Caso Research UNIX pre-V7 patch

http://www.salon.com/2000/05/16/chapter_2_part_one/


UNIX Time-Sharing 7th Edition

Gennaio 1979

Si tratta del predecessore di tutti i moderni sistemi Unix. Beneficiando della grande diffusione della versione 6 incorpora varie utility e patch fornite da comunità di sviluppatori esterne ai Bell Labs, nonché del PWB/UNIX.

Manuale Download Emulazione

Nel 2002 Caldera rilascia V7 con una licenza stile BSD e nel 2007 viene completato il primo port per PC: V7/x86


UNIX/32V

Febbraio 1979

AT&T effettua il port del Research Unix V7 per DEC VAX: UNIX/32V, fornirà le basi per il 4BSD.

http://sunsite.icm.edu.pl/pub/unix/UnixArchive/VAX/Distributions/32V/


UNIX System III

1982

Lo Unix Support Group (USG) licenzia per uso esterno il sistema UNIX System III. Si tratta di una sintesi dei i vari Unix interni ai Bell Labs: PWB/UNIX 2.0, CB UNIX 3.0, UNIX/TS 3.0.1 e UNIX/32V. Supportava le architetture DEC PDP-11 e VAX. L'intento di AT&T era quello di imporre il suo prodotto come il nuovo Unix ufficiale e rilegare i concorrenti, in particolare lo Unix BSD a ruolo di varianti non standard ed incompatibili con la versione ufficiale.

UNIX Users Manual Release 3


UNIX System V (System Five)

Gennaio 1983

Rilasciato dalla AT&T per DEC VAX e PDP-11, incorporerà l'editor di testo vi e "courses" dal Berkeley Software Distribution.

UNIX System V Release 1 (Manuale Utente)

UNIX System V Release 1 (Manuale Amministratore)


Smembramento AT&T

1984

Con una seconda causa antitrust, il dipartimento di giustizia degli USA impone alla AT&T di dividersi in sotto-compagnie: la più grande "Ma Bell", più vari operatori regionali denominati "Baby Bells". Ciò sollevò la compagnia dal rispetto del decreto 1956 permettendole di trasformare Unix in un prodotto commerciale.

In risposta a ciò AT&T aumenta il prezzo delle licenze di Unix da $99 a $250,000.


Research Unix Edition 8, 9 e 10

Sviluppati nella seconda metà degli anni '80, massicciamente basati su BSD Unix, saranno rilasciati solo a poche università. Il loro sviluppo, da parte dei Bell Labs, culminerà con la creazione di un nuovo sistema: il Plan 9.


DEC

Lo sviluppo iniziale di Unix è avvenuto su apparecchiature Digital Equipment Corporation (DEC), in particolare i sistemi DEC PDP-7 e PDP-11. Anche i computer DEC successivi, come i loro sistemi VAX, furono anche piattaforme popolari sulle quali eseguire Unix. Nonostante ciò DEC impiegò molto tempo prima di sviluppare una propria versione di Unix limitandosi a fornire unicamente il suo sistema operativo proprietario VMS. Elemento chiave nel portare Unix all'interno della compagnia fu lo Unix Engineering Group (UEG), avviato nel 1980 da Bill Munson, Jerry Brenner e Fred Canter, tutti facenti parte del DEC premier Customer Service Engineering group, a cui si aggregarono Bill Shannon (dalla Case Western Reserve University), e Armando Stettner (dai Bell Labs). Negli anni seguenti gruppi di marketing e gestione prodotto della DEC reclutarono altri membri, fra i quali: Joel Magid, Bill Doll e Jim Barclay.


UNIX License Plate

Poco dopo l'annuncio della realizzazione di un sistema UNIX da parte di IBM, Armando Stettner suggerì a Bill Doll che fosse ora per la DEC di rendere disponibile ai clienti un prodotto Unix nativo VAX. Fu fatta una proposta a Bill Munson che in seguito presentò l'idea a Ken Olsen. Si dice che Olsen afferrò una "targa di Unix", la sbatté sul petto di qualcuno e disse "facciamolo".

La storia della targa Unix risale al 1980, Bill Shannon possedeva una Datsun 280ZX con la targa personalizzata "UNIX". Armando Stettner decise di farne una versione finta personalizzando una targa New Hampshire, sulle quali già campeggia il motto "Live Free or Die". A Bill Munson piacque l'idea della targa e anche se il nome DEC non veniva mai menzionato e diede il via libera per il merchandising di targhe da distribuire alle conferenze.

Nel 1982 Stettner riuscì ad ottenere una versione ufficiale della targa UNIX del New Hampshire, poco dopo che Shannon ebbe lasciato la DEC per lavorare alla Sun Microsystems.

License Plate


Unix/v7m

22 Settembre 1981

Il primo prodotto Unix nativo di DEC fu V7m (la "m" sta per modificato) per PDP-11 (successivamente rinominato Ultrix-11) ed era basato sullo Unix 7th Edition dei Bell Labs. Fu sviluppato dall'UEG originale: Fred Canter, Jerry Brenner, Armando Stettner, Bill Burns, Mary Anne Cacciola e Bill Munson, anche se il lavoro principale fu quello di Fred e Jerry. Conteneva numerose fix al kernel e molti nuovi driver di periferiche.

Manuale


Ultrix-32

Giugno 1984

La prima release di Ultrix fu Ultrix-32 (detta anche semplicemente ULTRIX), era basato su 4.2BSD con alcune features non relative al kernel provenienti da System V. Fu principalmente un parto della mente di Armando Stettner. Il suo scopo era offrire uno Unix nativo per VAX supportato ufficialmente da DEC.

Anche in futuro lo Unix Engineering Group (UEG) e Berkeley collaboreranno fra loro per supportare al meglio l'architettura VAX.

Download

http://www.unixportal.net/la-famiglia-unix/ultrix/


Microsoft Xenix

25 Agosto 1980

Già dal 1978, intuendo che quando i PC sarebbero diventati sufficientemente potenti Unix sarebbe stato il sistema operativo del futuro, Microsoft aveva acquistato da AT&T la licenza di Unix. Inizia però solo adesso la commercializzazione della sua versione per microcomputer a 16-bit. Non disponendo però anche dei diritti per il marchio UNIX chiamò il suo prodotto Xenix e scelse di venderlo sotto forma di OEM a società come IBM, Intel e Siemens. Le prime versioni di Xenix supportavano solo il PDP-11.


Xenix su Zilog

1981 Xenix viene portato su Zilog Z8001


MS & SCO

1982

Inizia la collaborazione tra Microsoft e Santa Cruz Operation (SCO) per lo sviluppo di Xenix.


TRS-Xenix per M68K

Gennaio 1983

La Tandy Corporation commercia TRS-XENIX per i suoi sistemi basati su CPU Motorola 68000.


Xenix su Apple

1984 Un port per Apple Lisa con CPU M68K sviluppato da SCO e Microsoft e distribuito da SCO.


SCO UNIX

1987

La Microsoft perde interesse per i sistemi UNIX, decidendo di concentrarsi su DOS/Windows vende i diritti di Xenix alla Santa Cruz Operation (SCO). SCO ne effettua il port per procesori i386 a 32-bit, sarà il primo sistema operativo a 32 bit disponibile per tale piattaforma e ne incrementerà a tal punto la diffusione da farlo divenire, per fine degli anni '80, la versione UNIX più diffusa al mondo (The Design and Implementation of the 4.3BSD UNIX Operating System, cit.) Basato essenzialmente su 4.2BSD lo Xenix System V release 2.3.1 introduce il supporto per le periferiche SCSI ed il protocollo TCP/IP.

Manuali

Nel 1989, giunto alla versione 2.3.4, SCO ne cambia il nome in SCO UNIX.

Curiosità: Microsoft ha affermato di aver utilizzato internamente per la sua compagnia Xenix su macchine Sun e VAX fino al 1992.

Novell UnixWare

Anche Novell dimostrò interesse per i sistemi UNIX e ne 1993 rileva da AT&T gli Unix System Laboratories (USL) e tutti i marchi relativi a Unix System V, dopo che, precedentemente, aveva dato vita ad una partnership con la stessa AT&T (denominata Univel), finalizzata allo sviluppo di UnixWare (nome in codice Destiny), una versione Unix per architetture x86.

L'intento era quello di portare sulla piattaforma UNIX le utility di rete dalla propria piattaforma Netware, ormai in seria difficoltà per la concorrenza con Microsoft Windows NT (UnixWare = Unix + NetWare).

A cavallo del 1995/1996 Novell, però, non può far altro che accettare l’insuccesso della propria tattica relativa si sistemi operativi desktop, cedendo UnixWare a SCO (1995) e l’intero asset derivato da Digital Research a Caldera (1996). L’accordo con SCO, successivamente, causerà non pochi problemi a Novell coinvolgendola in una serie di azioni legali (la cosiddetta Unix War) per la proprietà dei codici sorgenti e dei marchi attinenti a UNIX. Ad essere contesi sono i diritti relativi a Unix System V che Novell afferma di non aver mai ceduto a SCO insieme a UnixWare, tesi poi avvallata dal giudice federale Kimball che, a novembre del 2008, darà ragione a Novell condannando SCO a pagare 2.5 milioni di dollari derivati dall’uso improprio di marchi e prodotti appartenenti a Novell.

http://docstore.mik.ua/orelly/other/puis3rd/0596003234_puis3-chp-2-sect-1.html

https://www.storiainformatica.it/novell/101-company/novell/508-il-dos-e-wordperfect

Sun Microsystems

UniSoft

1981

Viene fondata la UniSoft Infotech Corporation, società che si impegnerà nella realizzazione di port di Unix per svariate a architetture. Il port della sua Unix Versione 7 sarà la base del futuro SunOS.


24 Febbraio 1982

Bill Joy, ex studente di Berkeley e sviluppatore BSD, fonda insieme a Vinod Khosia, Scott McNealy e Andy Bechtolsheim la Sun Microsystems.


Sun UNIX 0.7

1982 Rilasciato Sun UNIX 0.7, basato su UniSoft UNIX v7, verrà utilizzato sui sistemi Sun-1

SunOS 1.0

1983

Basato su 4.1BSD, aggiunge il supporto per le Workstation Sun-2

SunOS 1.1

Aprile 1984


SunOS 1.2

Gennaio 1985

Basato su 4.1BSD

SunOS 2.0

Maggio 1985

Basato su 4.2BSD, introduce il supporto al filesystem layer (VFS) e al protocollo Network File System (NFS )


4.2BSD

Settembre 1983

Primo sistema operativo ad includere il supporto per il protocollo TCP/IP.


GNU

27 Settembre 1983

Richard Stallman annuncia al mondo il Progetto GNU per realizzazione di un sistema Unix alternativo e libero.

https://www.gnu.org/gnu/initial-announcement.en.html

http://docstore.mik.ua/orelly/other/puis3rd/0596003234_puis3-chp-2-sect-1.html

1984

Varie compagnie iniziano a commercializzare versioni di UNIX per i loro rispettivi mini-computer o workstations. Molte baseranno i loro sistemi sul System V licenziato dalla AT&T, mentre altri opteranno per i BSD.


HP-UX

Hewlett-Packard rilascia HP-UX 1.0 la sua versione di UNIX, basata su UNIX System III. Supporta gli HP Integral PC con CPU M68K.

System VR2 (System V, Release 2)

Aprile 1984



http://en.wikipedia.org/wiki/History_of_Unix#1990s


One of the leading developers of BSD, Bill Joy, went on to co-found Sun Microsystems in 1982 and created SunOS for their workstation computers. In 1980, Microsoft announced its first Unix for 16-bit microcomputers called Xenix, which the Santa Cruz Operation (SCO) ported to the Intel 8086 processor in 1983, and eventually branched Xenix into SCO UNIX in 1989.



1986

4.3BSD

Giugno 1986

http://minnie.tuhs.org/Unix_History/4bsd

http://www.dmst.aueb.gr/dds/pubs/conf/2015-MSR-Unix-History/html/Spi15c.html

MINIX

22 Dicembre 1986

http://www.informatica.co.cr/linux/research/1986/1222.htm


http://docstore.mik.ua/orelly/other/puis3rd/0596003234_puis3-chp-2-sect-1.html

http://en.wikipedia.org/wiki/Unix_wars

1987

1988

1988, during the so-called "Unix wars", DEC joined with IBM, Hewlett-Packard, and others to form the Open Software Foundation (OSF) to develop a version of Unix. Dubbed OSF/1, the aim was to compete with System V Release 4 from AT&T Corporation and Sun Microsystems, and it has been argued that a primary goal was for the operating system to be free of AT&T intellectual property.



1988 http://en.wikipedia.org/wiki/Tru64_UNIX


1994, CSRG distributed its last versions, called 4.4BSD-Lite (BSD-licensed) and 4.4BSD-Encumbered (UNIX-licensed).


Bibliografia


IMG




  • Primo Unix commerciale

http://en.wikipedia.org/wiki/Interactive_Systems_Corporation


  • Research Unix 7th per x86, rilasciato da Caldera nel 2002


_SVR5_ HP-UX, IBM AIX, SGI IRIX

DEC OSF/1 AXP Digital UNIX, Digital Equipment Corporation (DEC) Tru64 UNIX Compaq, Tru64 UNIX Hewlett-Packard (HP)


_BSD_ SunOS 4.x ULTRIX (DEC) NextStep (NeXT)