Differenze tra le versioni di "GPG Gnu Privacy Guard"

Da GolemWiki.
Jump to navigation Jump to search
m (Rete di fiducia)
(miglioramenti e aggiornamenti qua e là)
 
Riga 15: Riga 15:
  
 
= Generare una chiave =
 
= Generare una chiave =
 
 
Da utente normale:
 
Da utente normale:
 
  gpg --gen-key
 
  gpg --gen-key
Riga 23: Riga 22:
 
  gpg --list-keys
 
  gpg --list-keys
  
Fare subito il '''certificato di revoca'''
+
== Certificato di revoca ==
  gpg --output revoca.asc --gen-revoke <ID>
+
Il certificato di revoca serve per invalidare la chiave nel caso in cui questa venga compromessa.
dove <ID> è dato dalle ultime 8 cifre dell'impronta (fingerprint) della chiave
+
Chiunque sia in possesso del certificato di revoca può revocare la chiave corrispondente, per cui è bene tenerlo in un posto sicuro.
 
+
Poiché, nel momento in cui si ha bisogno del certificato di revoca, potremmo non essere più in grado di generarlo, conviene generarlo subito dopo la creazione della chiave, e prima di iniziare a utilizzarla pubblicamente.
 +
  gpg --output certificato-di-revoca.asc --gen-revoke ''ID''
 +
dove <code>ID</code> è dato dalle ultime 8 cifre dell'impronta (fingerprint) della chiave.
  
 
= Utilizzo pratico =
 
= Utilizzo pratico =
  
 
== Criptare un documento ==
 
== Criptare un documento ==
  gpg -o file1.ext.gpg -e -r UserID file1.ext.
+
  gpg -o file1.ext.gpg -e -r UserID file1.ext
 
 
Es.: gpg -o tesi.odt.gpg -e -r spookyh@gmail.com tesi.odt
 
  
 +
Esempio:
 +
gpg -o tesi.odt.gpg -e -r spookyh@gmail.com tesi.odt
  
 
== Decriptare un documento ==
 
== Decriptare un documento ==
 
  gpg -o file1.ext -d file1.gpg
 
  gpg -o file1.ext -d file1.gpg
 
  
 
== Firmare un documento ==
 
== Firmare un documento ==
 
 
Il mittente può usare PGP per ''firmare'' un messaggio con l'algoritmo di firma RSA o Digital Signature Algorithm (DSA). Per fare ciò viene calcolato un hash (message digest) dal testo in chiaro e successivamente da questo hash è creata la [http://it.wikipedia.org/wiki/Firma_digitale firma digitale] usando la chiave privata del mittente.
 
Il mittente può usare PGP per ''firmare'' un messaggio con l'algoritmo di firma RSA o Digital Signature Algorithm (DSA). Per fare ciò viene calcolato un hash (message digest) dal testo in chiaro e successivamente da questo hash è creata la [http://it.wikipedia.org/wiki/Firma_digitale firma digitale] usando la chiave privata del mittente.
  
Riga 50: Riga 49:
  
 
= Importare ed esportare chiavi (locali) =
 
= Importare ed esportare chiavi (locali) =
 
 
Importare una chiave (pubblica)
 
Importare una chiave (pubblica)
 
  gpg --import chiave.asc (o .txt)
 
  gpg --import chiave.asc (o .txt)
Riga 57: Riga 55:
 
  gpg -a -o chiave_pubblica.asc --export
 
  gpg -a -o chiave_pubblica.asc --export
  
 
+
== Esportare la propria chiave privata ==
Esportare la propria chiave privata
+
{{Note
 
+
|type=attention
'''ATTENZIONE!!! Esportare la chiave privata solo per effettuarne backup'''
+
|text=La chiave privata può essere utilizzata per impersonare la vostra identità, perciò '''NON''' inviarla mai a '''nessuno''', ed esportarla solo per effettuarne backup, naturalmente da custodire in un luogo sicuro.
  gpg --export-private-keys chiave_privata.asc
+
}}
 +
  gpg --armor --export-private-keys chiave-privata.asc
  
 
= Condividere le chiavi pubbliche =
 
= Condividere le chiavi pubbliche =
  
'''Inviare''' la chiave ad un keyserver
+
Inviare la chiave ad un keyserver:
 
 
 
  gpg --keyserver keyserver.linux.it --send-key <ID>
 
  gpg --keyserver keyserver.linux.it --send-key <ID>
  
'''Importare''' una chiave da un keyserver
+
Importare una chiave da un keyserver:
 
  gpg --keyserver keyserver.linux.it --recv-keys <ID>
 
  gpg --keyserver keyserver.linux.it --recv-keys <ID>
  
la chiave viene cercata sul keyserver e importata in /home/utente/.gnupg/pubring.gpg
+
Se ci fidiamo del proprietario e vogliamo mostrare pubblicamente la nostra fiducia, possiamo firmare la chiave appena importata e esportare la firma su un keyserver (vedere sezioni successive).
  
in /home/utente/.gnupg/secring.gpg sono archiviate le chiavi segrete
+
== Keyserver ==
 +
Quando si carica una chiave su un keyserver, poi questo la condivide con gli altri keyserver che fanno parte dello stesso circuito.
 +
Non esiste un'entità centralizzata o un circuito di riferimento, per scelta, e, a volte, questo può generare confusione nell'utilizzatore.
  
Esempi di keyserver:
+
Tra i keyserver più noti:
 +
* keys.gnupg.net
 +
* pgp.surfnet.nl
 +
* pgp.circl.lu
 
* sks.keyserver.penguin.de
 
* sks.keyserver.penguin.de
 
* keyserver.kjsl.com
 
* keyserver.kjsl.com
Riga 83: Riga 86:
  
 
= Editare una chiave =
 
= Editare una chiave =
 
 
Per fare operazioni e modifiche dobbiamo "editare" le chiavi:
 
Per fare operazioni e modifiche dobbiamo "editare" le chiavi:
 
  gpg --edit-key <ID>
 
  gpg --edit-key <ID>
Riga 91: Riga 93:
 
e rispondere alle domande
 
e rispondere alle domande
  
si possono fare molte altre cose, ad esempio:
+
{{Note
 +
|type=warning
 +
|text=Prima di uscire dall'editor, ricordarsi di '''salvare''', altrimenti le modifiche vanno perdute
 +
}}
 +
 
 +
Si possono fare molte altre cose, ad esempio:
 
cambiare i valori di fiducia  
 
cambiare i valori di fiducia  
 
  > trust
 
  > trust
Riga 102: Riga 109:
 
firmare localmente in modo non esportabile
 
firmare localmente in modo non esportabile
 
  > lsign
 
  > lsign
quindi ricordarsi di salvare
+
quindi '''ricordarsi di salvare'''
 
  > save
 
  > save
 
oppure
 
oppure
Riga 112: Riga 119:
  
 
Avendo già il certificato di revoca:
 
Avendo già il certificato di revoca:
  gpg --import revoca.asc
+
  gpg --import certificato-di-revoca.asc
  gpg --keyserver keyserver.linux.it --send-key <ID>
+
  gpg --keyserver keyserver.linux.it --send-key ''ID''
  
 
= Gestione delle chiavi =
 
= Gestione delle chiavi =
 
 
Controllare il database delle chiavi: questo comando mostra tutte le chiavi che abbiamo con molte informazioni.
 
Controllare il database delle chiavi: questo comando mostra tutte le chiavi che abbiamo con molte informazioni.
 
  gpg --list-keys --with-colons
 
  gpg --list-keys --with-colons
Riga 131: Riga 137:
  
 
Rimandiamola al proprietario:
 
Rimandiamola al proprietario:
  gpg --armor -export -o firma1 <ID>
+
  gpg --armor -export -o firma.sig <ID>
  
Crea un file di nome firma1 nella directory corrente che contiene la chiave firmata. Spedire al proprietario firma1.
+
Questo comando crea un file di nome ''firma.sig'' nella directory corrente, che contiene la chiave firmata.
 +
Spedire al proprietario ''firma.sig''.
  
 
Chi riceve la propria chiave firmata da altri può decidere inserirla nel proprio portachiavi, con
 
Chi riceve la propria chiave firmata da altri può decidere inserirla nel proprio portachiavi, con
  gpg --import firma1
+
  gpg --import firma.sig
si aggiungono al portachiavi le nuove firme ma anche i nuovi ID che il mittente ha sulla sua chiave, col rispettivo valore di fiducia. Bisogna fare molta attenzione a firmare le chiavi degli altri.
+
si aggiungono al portachiavi le nuove firme ma anche i nuovi ID che il mittente ha sulla sua chiave, col rispettivo valore di fiducia.
 +
 
 +
Firmare le chiavi degli altri implica dar loro fiducia, e, spesso, anche aver verificato la loro identità in maniera sicura.
 +
Se non ci fidiamo, non firmiamo.
 +
Se si firmano a caso tutte le chiavi che capitano a tiro, si perde la reputazione che si ha presso gli altri partecipanti della rete.
  
 
Se vogliamo fare un uso pubblico di questa fiducia reciproca possiamo mandare la nostra  chiave, contenente la nuova firma, al keyserver:
 
Se vogliamo fare un uso pubblico di questa fiducia reciproca possiamo mandare la nostra  chiave, contenente la nuova firma, al keyserver:
Riga 151: Riga 162:
 
* il percorso delle chiavi per risalire alla chiave in questione è di pochi passi (generalmente, al massimo 5)
 
* il percorso delle chiavi per risalire alla chiave in questione è di pochi passi (generalmente, al massimo 5)
  
Gestire la rete di fiducia gpg.conf ha due opzioni:
+
Questi parametri sono configurabili, e possono essere resi più o meno stringenti, a seconda dell'uso che intendiamo fare della rete di fiducia GPG.
 +
 
 +
Gestire la rete di fiducia gpg.conf ha due opzioni:
  
 
  --completes-needed n
 
  --completes-needed n
Riga 165: Riga 178:
 
* ''Seahorse'', per gestire le chiavi e i certificati, comprese quelle ssh, per un ambiente GTK
 
* ''Seahorse'', per gestire le chiavi e i certificati, comprese quelle ssh, per un ambiente GTK
 
* ''KGPG'', per gestire le chiavi e i certificati, comprese quelle ssh, per un ambiente QT
 
* ''KGPG'', per gestire le chiavi e i certificati, comprese quelle ssh, per un ambiente QT
* ''Enigmail'', estensione per Mozilla Thunderbird per cifrare email e allegati
+
* ''Enigmail'', estensione per Mozilla Thunderbird per cifrare email e allegati (deprecata: adesso Thunderbird integra GPG)
 
* ''Pinentry'' (anche da riga di comando) si ricorda la password della chiave per il tempo impostato (default 5 minuti)
 
* ''Pinentry'' (anche da riga di comando) si ricorda la password della chiave per il tempo impostato (default 5 minuti)
  

Versione attuale delle 08:22, 16 mag 2021

Introduzione

GNU Privacy Guard (GnuPG o GPG) è un programma libero pensato per fornire un'alternativa opensource al Pretty Good Privacy (PGP). Nel PGP sono usate sia la crittografia asimmetrica (a chiave pubblica) che quella simmetrica. La chiave pubblica del destinatario serve al mittente unicamente per cifrare la chiave comune per un algoritmo di crittografia simmetrica che sarà usata per cifrare il testo in chiaro del messaggio. Un destinatario decifra un messaggio protetto da GPG usando la chiave di sessione con l'algoritmo simmetrico. Tale chiave di sessione è inclusa nel messaggio in maniera criptata ed è decifrata usando la chiave privata del destinatario. L'utilizzo di due cifrature oltre che a velocizzare l'esecuzione del programma (la cifratura a chiave simmetrica è molto più veloce di quella asimmetrica) permette di poter cifrare uno stesso messaggio per più destinatari.

Manuale

Un veloce aiuto

man gpg

Un rapido promemoria delle opzioni più comuni

gpg --help

Generare una chiave

Da utente normale:

gpg --gen-key

e rispondere alle domande che fa il programma.

Controllare che sia stata davvero creata

gpg --list-keys

Certificato di revoca

Il certificato di revoca serve per invalidare la chiave nel caso in cui questa venga compromessa. Chiunque sia in possesso del certificato di revoca può revocare la chiave corrispondente, per cui è bene tenerlo in un posto sicuro. Poiché, nel momento in cui si ha bisogno del certificato di revoca, potremmo non essere più in grado di generarlo, conviene generarlo subito dopo la creazione della chiave, e prima di iniziare a utilizzarla pubblicamente.

gpg --output certificato-di-revoca.asc --gen-revoke ID

dove ID è dato dalle ultime 8 cifre dell'impronta (fingerprint) della chiave.

Utilizzo pratico

Criptare un documento

gpg -o file1.ext.gpg -e -r UserID file1.ext

Esempio:

gpg -o tesi.odt.gpg -e -r spookyh@gmail.com tesi.odt

Decriptare un documento

gpg -o file1.ext -d file1.gpg

Firmare un documento

Il mittente può usare PGP per firmare un messaggio con l'algoritmo di firma RSA o Digital Signature Algorithm (DSA). Per fare ciò viene calcolato un hash (message digest) dal testo in chiaro e successivamente da questo hash è creata la firma digitale usando la chiave privata del mittente.

gpg -o file1.ext.sig -s file1.ext

Verificare un documento

gpg --verify file1.sig

Importare ed esportare chiavi (locali)

Importare una chiave (pubblica)

gpg --import chiave.asc (o .txt)

Esportare la propria chiave pubblica

gpg -a -o chiave_pubblica.asc --export

Esportare la propria chiave privata

Golem-template-note-attention.png La chiave privata può essere utilizzata per impersonare la vostra identità, perciò NON inviarla mai a nessuno, ed esportarla solo per effettuarne backup, naturalmente da custodire in un luogo sicuro.


gpg --armor --export-private-keys chiave-privata.asc

Condividere le chiavi pubbliche

Inviare la chiave ad un keyserver:

gpg --keyserver keyserver.linux.it --send-key <ID>

Importare una chiave da un keyserver:

gpg --keyserver keyserver.linux.it --recv-keys <ID>

Se ci fidiamo del proprietario e vogliamo mostrare pubblicamente la nostra fiducia, possiamo firmare la chiave appena importata e esportare la firma su un keyserver (vedere sezioni successive).

Keyserver

Quando si carica una chiave su un keyserver, poi questo la condivide con gli altri keyserver che fanno parte dello stesso circuito. Non esiste un'entità centralizzata o un circuito di riferimento, per scelta, e, a volte, questo può generare confusione nell'utilizzatore.

Tra i keyserver più noti:

  • keys.gnupg.net
  • pgp.surfnet.nl
  • pgp.circl.lu
  • sks.keyserver.penguin.de
  • keyserver.kjsl.com
  • keyserver.linux.it
  • pgp.mit.edu

Editare una chiave

Per fare operazioni e modifiche dobbiamo "editare" le chiavi:

gpg --edit-key <ID>

per convalidarne il nostro uso dobbiamo firmarle

> sign

e rispondere alle domande

Golem-template-note-warning.png Prima di uscire dall'editor, ricordarsi di salvare, altrimenti le modifiche vanno perdute


Si possono fare molte altre cose, ad esempio: cambiare i valori di fiducia

> trust

vedere la fingerprint

> fpr

cambiare la data di scadenza

> expire

cambiare la password

> passwd

firmare localmente in modo non esportabile

> lsign

quindi ricordarsi di salvare

> save

oppure

> quit

Tutte le modifiche da rendere pubbliche vanno inviate ad un keyserver.

Revocare una chiave

Avendo già il certificato di revoca:

gpg --import certificato-di-revoca.asc
gpg --keyserver keyserver.linux.it --send-key ID

Gestione delle chiavi

Controllare il database delle chiavi: questo comando mostra tutte le chiavi che abbiamo con molte informazioni.

gpg --list-keys --with-colons

Fornisce tutti i valori di fiducia assegnati alle varie chiavi. (Informazioni private)

gpg --list-ownertrust

Controllo firme

gpg --check-sigs
gpg --list-sigs

Esportare le chiavi altrui

Abbiamo importato e firmato la chiave di <ID>.

Rimandiamola al proprietario:

gpg --armor -export -o firma.sig <ID>

Questo comando crea un file di nome firma.sig nella directory corrente, che contiene la chiave firmata. Spedire al proprietario firma.sig.

Chi riceve la propria chiave firmata da altri può decidere inserirla nel proprio portachiavi, con

gpg --import firma.sig

si aggiungono al portachiavi le nuove firme ma anche i nuovi ID che il mittente ha sulla sua chiave, col rispettivo valore di fiducia.

Firmare le chiavi degli altri implica dar loro fiducia, e, spesso, anche aver verificato la loro identità in maniera sicura. Se non ci fidiamo, non firmiamo. Se si firmano a caso tutte le chiavi che capitano a tiro, si perde la reputazione che si ha presso gli altri partecipanti della rete.

Se vogliamo fare un uso pubblico di questa fiducia reciproca possiamo mandare la nostra chiave, contenente la nuova firma, al keyserver:

gpg --keyserver keyserver.kjsl.com --send-key <ID mia chiave>

Periodicamente occorre aggiornare il proprio portachiavi digitale, così da venire a conoscenza delle modifiche sulle chiavi degli altri.

gpg --keyserver pgp.mit.edu --refresh-keys

Rete di fiducia

Una chiave non è valida solo se è firmata di persona, ma se:

  • è firmata da un numero sufficiente di chiavi valide, cioè da almeno una chiave di cui ci si fida pienamente o da tre chiavi con fiducia marginale
  • il percorso delle chiavi per risalire alla chiave in questione è di pochi passi (generalmente, al massimo 5)

Questi parametri sono configurabili, e possono essere resi più o meno stringenti, a seconda dell'uso che intendiamo fare della rete di fiducia GPG.

Gestire la rete di fiducia gpg.conf ha due opzioni:

--completes-needed n

numero di utilizzatori con fiducia piena che presentano un nuovo utente (default 1)

--marginals-needed n

numero di utilizzatori con fiducia parziale che presentano un nuovo utente (default 3)

A seconda dell'importanza del messaggio, ognuno può consapevolmente valutare quanta fiducia dare alle chiavi.

GUI

Esistono vari programmi a interfaccia grafica:

  • Seahorse, per gestire le chiavi e i certificati, comprese quelle ssh, per un ambiente GTK
  • KGPG, per gestire le chiavi e i certificati, comprese quelle ssh, per un ambiente QT
  • Enigmail, estensione per Mozilla Thunderbird per cifrare email e allegati (deprecata: adesso Thunderbird integra GPG)
  • Pinentry (anche da riga di comando) si ricorda la password della chiave per il tempo impostato (default 5 minuti)

Rete di fiducia

Web of trust: una chiave importata può essere firmata con un certo grado di fiducia. Possiamo rispedirla al proprietario o caricare la firma su un keyserver, e se lui la importa nel suo portachiavi, avrà la propria chiave firmata da noi. Ognuno può quindi aggiungere le firme dei conoscenti alla propria chiave, che a loro volta hanno firme di altri. In questo modo è possibile creare la propria rete di fiducia, scegliendo un livello accettabile di indirezione.

GPG Keysigning Party

Ogni tanto vengono organizzati degli incontri per consentire ai possessori di chiavi GPG di ampliare la loro rete di fiducia.

Cosa si deve fare per un keysigning party:

  • generare la propria coppia di chiavi e il corrispondente certificato di revoca, se non si è già fatto;
  • inviare la propria chiave ad un keyserver, almeno qualche giorno prima del party;
  • preparare dei biglietti con scritto il proprio nome e cognome, indirizzo email, ID e impronta (fingerprint) della vostra chiave;
  • recarsi al party portando con sé i biglietti e uno o più documenti di identità;
  • scambiarsi le chiavi verificando l'identità di chi dichiara di esserne il legittimo proprietario;
  • tornati a casa, scaricare le chiavi da un keyserver utilizzando l'ID; poi controllare l'impronta (fingerprint) e infine firmare la chiave col grado di fiducia desiderato e rispedirla al server.

Risorse

  • [1] prontuario veloce (PDF) per un keysigning party
  • [2] approfondimenti, dalla documentazione ufficiale
  • [3] GPG online decoder, utile per ispezionare chiavi pubbliche al volo